Sui binari della memoria, a Copertino si ricorda il genocidio di Rom e Sinti

sabato 25 gennaio 2020

Appuntamento oggi con l’inaugurazione della mostra “Samudaripen: il genocidio dimenticato di Rom e Sinti”.

Sui binari della memoria tra storia, arte e musica. Copertino rende omaggio alle vittime dello sterminio nazista durante la seconda guerra mondiale con un doppio appuntamento culturale nella stazione ferroviaria cittadina. A partire dalle 17.30 la cerimonia di inaugurazione della mostra “Samudaripen: il genocidio dimenticato di Rom e Sinti”. Il progetto realizzato dall'associazione “Casello 13”, associazione “THèM Romano”, Comune di Copertino, Mibac - Polo Museale della Puglia, Liceo Statale Don Tonino Bello, gli istituti comprensivi “G.Strafella” e “San Giuseppe da Copertino” e Regione Puglia, con la supervisione del professore Dario Chiaritti, racconterà con una mostra storico-documentaria il genocidio del popolo Sinti e Rom perpetrato dai nazisti: le cifre degli storici parlano di almeno 500.000 zingari uccisi, anche se secondo molte altre stime tra cui quella di Moni Ovadia - si supererebbe il milione.

Dalle 19, la manifestazione si sposterà all'interno del castello, per il concerto “Per non dimenticare” del musicista “Rom-italiano” Alexian Santino Spinelli.

Andrea Tafuro

Altri articoli di "Società"
Società
23/02/2020
Papa Francesco torna dopo due anni a Bari per incontrare i ...
Società
20/02/2020
Rapporti tesi tra l’associazione e il Comandante ...
Società
20/02/2020
Diretto a Torino, il volo è stato dirottato a Genova ...
Società
20/02/2020
"Oggi l'incontro è stato finalmente positivo - ...
Mascherine consigliate ai medici del pronto soccorso leccese anche nei casi asintomatici. Dubbi sulla trasmissione ...
clicca qui