Il Rapporto Censis e lo sviluppo delle comunità locali: se ne parla a Copertino

venerdì 24 gennaio 2020

Sarà presentato oggi alle 18.30 nella Chiesa delle Clarisse a Copertino, l'annuale "Rapporto Censis".

Il rapporto sulla situazione sociale del Paese, giunto alla sua cinquantatreesima edizione, descrive e interpreta i fenomeni socio-economici più rilevanti in Italia. In una realtà sociale sempre più in evoluzione, il Censis individua i soggetti e i processi che tengono ancora insieme alcune maglie del tessuto sociale e affronta i temi di maggiore impatto, emersi nel corso dell'anno appena trascorso. Il Rapporto, inoltre, contiene focus sui temi del lavoro, della formazione, del welfare e della sanità, nonché sui processi economici, sui media, sulla sicurezza e sulla cittadinanza.

In apertura l’intervento del Sindaco, Sandrina Schito, che saluta così l’iniziativa: “Si tratta di un evento che ci lusinga, come amministratori della città. Abbiamo l'onore di presentare alla cittadinanza uno strumento essenziale per leggere i cambiamenti e per dotarci di strumenti adeguati che ci consentano di immaginare risposte da dare alle nuove istanze emergenti”.

Relazioneranno Massimiliano Valerii, direttore generale del Censis, Giancarlo Negro, presidente di Confindustria Lecce, Paolo Fiorita per Puglia Sviluppo, Amedeo Maizza, docente di Economia e Gestione delle Imprese dell'Università del Salento e Angelo Grasso, direttore generale Ipres. Interverranno anche l'assessore Laura Alemanno e i consiglieri Titti Prete, Pino Cagnazzo e Gianluca Polo. Le conclusioni sono affidate all'assessore regionale con delega al lavoro e alla formazione, Sebastiano Leo.

 

Altri articoli di "Società"
Società
20/02/2020
Rapporti tesi tra l’associazione e il Comandante ...
Società
20/02/2020
Diretto a Torino, il volo è stato dirottato a Genova ...
Società
20/02/2020
"Oggi l'incontro è stato finalmente positivo - ...
Società
19/02/2020
Il docente universitario aveva definito “da ignoranti” le posizioni del ...
Mascherine consigliate ai medici del pronto soccorso leccese anche nei casi asintomatici. Dubbi sulla trasmissione ...
clicca qui