Due giovani ingegneri pugliesi assunti come netturbini: la storia finisce su France 2

domenica 19 gennaio 2020

Ha destato curiosità anche all'estero la storia dei due giovani ingegneri che hanno scelto di lavorare per l'azienda che si occupa della raccolta rifiuti a Barletta.

Due giovani ingegneri che, dal 2 gennaio di quest'anno, lavorano come netturbini. Succede in Puglia, a Barletta, dove i due sono stati raggiunti da una troupe di France 2, un noto canale televisivo d'oltralpe, per essere intervistati. A renderlo noto la BarSA Spa, l'azienda che li ha assunti. 
"Prima di essere ingegneri regolarmente iscritti all’Albo - raccontano - siamo persone e vogliamo mettere su famiglia con le nostre compagne".
Michele Cianci, amministratore di BarSA, sottolinea la loro scelta di privilegiare la famiglia «invece di fuggire all’estero come molti sono costretti a fare: «Purtroppo - aggiunge - fa notizia sentire che due laureati con il massimo dei voti decidano di lavorare come operatori ecologici, in un Paese in cui invece ci ritroviamo alcuni ministri della Repubblica con un diploma a malapena».

Uno di loro, Giuseppe Moreno Di Trani, 35 anni, riferisce che dopo la laurea al Politecnico di Bari nel 2012 (110 e lode) aveva cercato impieghi specializzati con scarsi risultati, ripiegando su «piccoli lavoretti precari, sempre sottopagati o addirittura gratis: dal cameriere al commesso, dalla raccolta delle olive al falegname, per portare a casa nel migliore dei casi 800 euro al mese. Quando ho saputo del concorso da operatore ecologico ho voluto provarci e mi sono aggiudicato questo posto di lavoro da 1.200 euro al mese».
Al concorso hanno partecipato oltre 800 persone e al termine sono stati assunti in tutto 13 nuovi lavoratori, 9 dei quali laureati. 

Altri articoli di "Cronaca"
Cronaca
23/02/2020
Il drammatico incidente è avvenuto in queste ore ...
Cronaca
23/02/2020
Esito negativo dai test effettuati su due ragazzi baresi, ...
Cronaca
23/02/2020
Arriva anche il commento della società salentina ...
Cronaca
23/02/2020
L'azione violenta è stata rapidissima e sembra fosse ...
Mascherine consigliate ai medici del pronto soccorso leccese anche nei casi asintomatici. Dubbi sulla trasmissione ...
clicca qui