Falco e Tabanelli firmano la rimonta, Babacar e Shakhov i peggiori: le pagelle

domenica 8 dicembre 2019

Il furetto di Pulsano si carica la squadra sulle spalle dando vita ad una splendida rimonta, bene anche Farias e Tabanelli. Male Babacar e Shakhov

Gabriel voto 5,5; troppo pesante l’errore in occasione del vantaggio genoano per meritare la sufficienza, ma l’intervento su Agudelo sul punteggio di 0-2 è risultato decisivo ai fini della rimonta finale, per un punto che nel complesso porta anche la firma del portiere brasiliano.

Rispoli voto 5: nella prima frazione i maggiori pericoli arrivano dalla sua corsia destra, dove l’ex Palermo fa grossa fatica a contenere le sortite di uno scatenato Ghiglione, apparendo sempre in ritardo ed in netta difficoltà. Cresce nel secondo tempo, regalando buone sortite offensive.

Lucioni voto 5: un importante passo indietro rispetto alla grande prestazione di Firenze. In netto affanno per quasi tutta la durata del match, svirgola un clamoroso pallone in area di rigore rischiando di regalarlo a Pajac, commette un fallo da rigore che da un uomo della sua grande esperienza non ci si aspetta mai. Anche nella seconda frazione si registrano un paio d’errori che potevano costare molto cari.

Dell’Orco voto 5,5; schierato in un ruolo abbastanza inedito, il ragazzo soprattutto in avvio non appare proprio a suo agio, sbandando un po’, come del resto tutta la linea difensiva. Cresce con il passare dei minuti, causa con un’uscita palla al piede l’espulsione di Agudelo.

Calderoni voto 5,5: pronti via ed è provvidenziale con una grande chiusura su Pandev dopo quattro minuti, nonostante una botta al piede gli causi più di qualche noia. Meglio di Rispoli, ma anche lui come l’altro terzino giallorosso sembra soffrire la vivacità del dirimpettaio genoano; prova a spingere nel forcing finale, risultando però troppo spesso impreciso.

Majer voto 5: Liverani lo preferisce a Tabanelli, ma il 37 giallorosso appare sin dalle prime battute in difficoltà fisica. Non vince mai un duello in mediana, sbaglia quasi tutto perdendo dei palloni troppo spesso sanguinosi, uno dei quali costa la ripartenza da cui nasce il rigore dell 0-2.

Dal 46′ Tabanelli voto 7: Presenza fisica e centimetri in mezzo al campo per arginare il centrocampo genoano che nella prima frazione aveva stravinto il duello con quello giallorosso e poi uno stacco imperioso per riacciuffare una gara che non poteva e non doveva andar via.

Tachtsidis voto 5: già nel primo tempo si perde il conto dei passaggi e delle giocate sbagliate dal centrocampista greco, che non riesce quasi mai ad entrare in partita, venendo poi risucchiato nel vortice del centrocampo di Thiago Motta che per larghi tratti della contesa non trova mai una degna opposizione.

Petriccione voto 5,5: meglio dei compagni di reparto, ma non certamente il Petriccione a cui aveva abituato. Si prende la licenza di forzare un paio di giocate, sempre però con esito negativo, corre a vuoto senza riuscire a trovare lo spunto giusto. Nel secondo tempo cresce, sbaglia meno e sfiora il gol con due buone conclusioni da fuori.

Shakhov voto 4,5: quasi un’ora di gioco senza che nessuno lo veda in campo. Nel momento di maggiore difficoltà anziché garantire sostegno fra le linee scompare dalla partita, dimostrando scarsa personalità e una poca attitudine alla lotta. Lo si rivede al momento della sostituzione.

Dal 59′ Farias voto 7: entra in campo e sin da subito crea scompiglio nella stessa posizione in cui aveva dato vita alla rimonta contro il Cagliari. La sua imprevedibilità crea panico nella difesa genoana, ogni qualvolta la sfera passa tra i suoi piedi qualcosa può sempre accadere. Ha la chance del 3-2, ma proprio in quel momento prende la peggior decisione della gara, provando un improbabile tiro al volo.

La Mantia voto 5,5: impegno e voglia di incidere questa volta non bastano, perchè  l’eroe della notte di Firenze nel pomeriggio del Via Del Mare non riesce mai a trovare il guizzo giusto, sbagliando un po’ troppo soprattutto nel forcing finale.

Babacar voto 4,5: esce tra i fischi assordanti di tutto lo stadio, fischi giustificati, in virtù dell’ennesima prestazione negativa dell’attaccante ex Sassuolo, che anche questa volta appare svogliato e poco utile alla causa, riuscendo ad incidere in maniera sempre più negativa.

dal 51′ Falco voto 7,5: nel momento di maggiore difficoltà è lui a tracciare la rotta verso la rimonta. Splendida la traiettoria con cui fulmina Radu firmando il 2-1, geniale e perfetto l’assist per la testa di Tabanelli in occasione del 2-2. Nel finale prova a caricarsi la squadra sulle spalle alla ricerca del successo, senza però trovare il giusto pertugio.

Liverani voto 6,5; indemoniato nella prima frazione per un Lecce al limite della decenza, decide di ribaltare la squadra con tre mosse che anche questa volta risultano decisive. In uno dei test più importanti i suoi ragazzi dimostrano ancora una volta di avere tutte le carte in regola per centrare l’obiettivo.

GENOA: Radu 5,5; Romero 6, Biraschi 5,5, Criscito 6; Ghiglione 6,5, Schone 6 (63′ Cassata 5,5), Sturaro 6,5, Pajac 6 (90+3′ Ankersen sv); Pandev 5; Agudelo 4, Pinamonti 5 (82′ Favilli sv). Thiago Motta 5 

Altri articoli di "Calcio"
Calcio
19/02/2020
La formazione di calcio multietnica quasi interamente composta da calciatori richiedenti ...
Calcio
19/02/2020
Successi importanti e tre passi in avanti in classifica per Deghi e Ugento. Pari interno ...
Calcio
18/02/2020
Il calciatore Filippo Falco si è sottoposto in data ...
Calcio
18/02/2020
Un solo punto divide la due formazioni in testa alla ...
Si chiama roncopatia, un respiro pesante e rumoroso mentre si dorme: è un disturbo respiratorio del sonno ...
clicca qui