Premio arte, scienza e coscienza: appuntamento a Lecce

sabato 30 novembre 2019

Appuntamento il 3 dicembre presso il Teatro Apollo-Lecce, ingresso gratuito con prenotazione.

Torna per l’undicesimo anno consecutivo il Premio “Arte, Scienza e Coscienza” dedicato a donne e uomini che si sono distinti negli ambiti del progresso umano dal punto di vista scientifico, artistico ed etico. Sbarca per la prima volta a Lecce il Premio internazionale ideato da Claudio Melotto e organizzato da Infinity Foundation. “Dopo aver calcato palcoscenici internazionali arriva nella capitale del barocco un evento che rappresenta anche un grande tributo al lavoro di artisti, scienziati e professionisti di fama mondiale - afferma Claudio Melotto nella conferenza di presentazione a Palazzo Adorno - Sensibilità civica, rispetto dell’ambiente e del paesaggio, cultura del benessere sono gli obiettivi di questo grande evento”. 

Dalla prima edizione, il 12 ottobre 2008 alla Grand Central Terminal di New York, fino alla scorsa edizione tenuta a Palazzo Lombardia di Milano, il premio è sempre stato itinerante, e ha toccato importanti città e luoghi come Praga, il Principato di Monaco, San Pietroburgo, Genova, fino a giungere per questa nuova edizione a Lecce, nello storico Teatro Apollovenerdì 3 Dicembre 2019dalle ore 19. Arte, Scienza e Coscienza non è solo un evento, ma un percorso culturale di elevato profilo formativo. 

È stata Carla Miglietta, vice presidente della Fondazione “Infinity”, a voler portare il premio a Lecce, dopo un incontro in Cina col patron Claudio Melotto, ideatore di un percorso che non si fermerà alla serata del 3 dicembre nel Teatro Apollo. 

Quest’anno riceveranno il prestigioso premio il noto cantante, compositore e tastierista Dario Baldan Bembo,autore di molti big della musica italiana come Mia Martini, Lucio Battisti e Renato Zero, insieme all’artista e critica d’arte Erica Tamborriniper il progetto congiunto “Energy of Space” presentato in occasione del cinquantenario del primo uomo sulla Luna.

Lorenzo Ciccarese, impegnato sui grandi temi legati all’ambiente ed ai cambiamenti climatici, per essere stato componente della commissione istruttoria nazionale per l’implementazione della Direttiva Integrated Pollution Prevention and Control (IPPC)che hanno contribuito all’assegnazione del Premio Nobel per la pace 2007 ad Al GORE.

Infine lo sportivo subacqueo salentino Paolo De Vizzi, il quale ha dimostrato, nonostante un grave incidente gli abbia causato una lesione midollare e una paralisi dal busto in giù, di avere vinto la più difficile delle sfide riuscendo a diventare simbolo dello sport mondiale anche nelle competizioni della sua categoria.

Premio speciale andrà alla regista Alessandra Bonavina per i sui docufilm sullo spazio, l’astronauta Roberto Vittorie il Centro spaziale Thailandese “Space Center”(Geo-Informatics and Space Technology Development Agency Public Organization: GISTDA), sede del museo dedicato al celebre astronauta Yuri Gagarin e consegnato dal Dottor Piya Suthanin veste di ambasciatore della fondazione Infinity in Tailandia.

La cerimonia di premiazione si aprirà con una introduzione molto particolare del Maestro Al Bano Carrisi, ospite d’eccezione e ambasciatore ideale di Puglia e della stessa Italia nel mondo. L’artista in uno speciale video eseguirà, la storica “O sole Mio”, cantata a suo tempo dall’Astronauta Yuri Gagarin in orbita, per celebrare l’importanza della musica nello spazio.

Madrina della serata sarà l’attrice e conduttrice Iuliana Ierugan, una delle anime dell’iniziativa e parte attiva del progetto da undici anni, accompagnata dal giornalista e presentatore Marco Renna.

Capi saldi dell’evento l’opera che caratterizza il Premio realizzata con il marmo delle cave del Polvaccio o cave di Michelangeloe ideata dell’artista Luciano Massari, un fiore di loto simbolo dell’illuminazione e dell’elevazione spirituale metafora della luce che deve guidare ogni nostro pensiero e ogni nostra azione. E il progetto artistico musicale “GUS- Global Universal Symphony” che celebra la musica nello spazio fondendo insieme 2 brani significativi trasmessi nello spazio la musica di Antonin Dvorakche ha accompagnato la missione Apollo nel 1969, e “Across the Universe” dei Beatleslanciata verso la Stella Polare in occasione del cinquantenario dell’attività spaziale dal direttore della NASA Michael Griffin.

Il Premio Arte, Scienza e Coscienza 2019 è un evento benefico senza scopo di lucro collegato ad una raccolta fondi da destinare all'Associazione Onlus Cuore Amico. 

Altri articoli di "Solidarietà"
Solidarietà
15/12/2019
L'iniziativa organizzata dall'assoziazione "Cuori e ...
Solidarietà
13/12/2019
Nell’ambito delle attività di ...
Solidarietà
12/12/2019
Torna la festa di comunità per rinnovare lo spirito ...
Solidarietà
11/12/2019
Due le iniziative presentate oggi: l’arcivescovo ...
Nel Centro Calabrese di Cavallino si è tenuto un convegno per fare chiarezza sulle grandi opportunità che ...
clicca qui