Vertenza “Tessiture del Salento”, una quarantina di dipendenti a rischio

lunedì 18 novembre 2019

I sindacati dichiarano il piano industriale inaccettabile: le parti si incontreranno il 25 novembre nella sede dell’assessore regionale al Lavoro.

Il piano industriale della Tessitura del Salento non soddisfa i sindacati, vista la previsione di un massimo di 45 esuberi. È questo l’esito della riunione tenutasi oggi pomeriggio a Bari del Comitato monitoraggio Sepac (Sistema economico produttivo ed aree di crisi) per discutere la vertenza che riguarda i lavoratori dell’azienda tessile di Melpignano. Un incontro propedeutico al tavolo di crisi ministeriale convocato per il 3 dicembre a Roma nella sede del Ministero del Lavoro.

L’azienda del Gruppo Canepa ha presentato il piano industriale triennale 2019-21. L’ultima pianta organica fotografa il personale in 113,5 dipendenti (contando un lavoratore part-time). L’azienda intende contrastare la forte riduzione del fatturato attesa nel 2020, intervenendo con decisione su una sola voce di costo, quella del personale: rinnovo del contratto di solidarietà nel 2019 e 2020 e a partire dalla fine dell’anno prossimo, anche considerando l’esaurimento degli ammortizzatori sociali, la riduzione di 38-40 unità. Il piano ipotizza nel 2021 un nuovo equilibrio economico e finanziario con un organico a regime di 68-73 unità (il che significa che a regime il taglio dei lavoratori sarà pari a 40-45 unità rispetto all’’organico attuale). Presupposti che rendono, per i sindacati, il piano industriale inaccettabile.

 Al tavolo insieme alla task force regionale presieduta da Leo Caroli erano presenti: l’ingegner Luca Peli per l’azienda; il segretario generale della Femca Cisl Puglia Danilo Lozito; i segretari generali provinciali di Filctem Cgil Franco Giancane, di Femca Cisl Sergio Calò e di Uiltec Uil Fabiana Signore, il rappresentante di Confindustria Angelo Costantini.

Giancane, Calò e Signore alla fine dell’incontro hanno dichiarato la loro delusione: “Le organizzazioni sindacali ritengono insoddisfacente l’incontro odierno, sia sul piano delle risposte aziendali sia rispetto al ruolo della task force regionale in merito alle decine di esuberi che scaturirebbero dal piano industriale presentato. Si riservano comunque di dare un giudizio definitivo a seguito dell’incontro che dovrebbe tenersi presso l’assessorato regionale del Lavoro lunedì 25 novembre”.

 

Altri articoli di "Economia e lavoro"
Economia e lavoro
10/12/2019
 Doppia vittoria giudiziaria per i lavoratori licenziati e per il Cobas, in distinte ...
Economia e lavoro
10/12/2019
Gli imprenditori salentini scendono in campo per il ...
Economia e lavoro
09/12/2019
Le rilevazioni del Servizio Politiche Territoriali della ...
Economia e lavoro
08/12/2019
Aumento del 10% circa rispetto allo scorso ...
La mortalità a causa delle patologie cerebrovascolari è ancora troppo alta, senza contare che sono la ...
clicca qui