Undici pedoni investiti solo nel 2018, in viale Calasso due nuovi passaggi pedonali

lunedì 11 novembre 2019
Uno dei due attraversamenti sarà sopraelevato per consentire il passaggio  da una parte all'altra del viale in tutta sicurezza.

Ben 215 incidenti nel biennio 2016-2018 e 11 pedoni investiti solo nel 2018: viale Calasso, l'asse che collega la rotatoria di piazza dei Bastioni all'obelisco, è una delle strade più pericolose di Lecce. Per provare ad arginare l'incidentalità su viale Calasso, l'amministrazione ha previsto la realizzazione di due passaggi pedonali, uno sopraelevato e l'altro in piano con la sede stradale. Il primo, sopraelevato, sarà realizzato in corrispondenza dell'ingresso dell'edificio Sperimentale Tabacchi, nel punto di maggiore accelerazione delle auto sul viale, e consentirà il passaggio sicuro da un lato all'altro del viale ai pedoni e in particolare ai disabili in carrozzina, visto che, ad oggi, non esistono scivoli e rampe. Il secondo sarà realizzato, invece, vicino alla rotatoria e sarà al livello del piano stradale.

Il costo di entrambe le opere è di 63mila euro ei cui 28mila dovrebbero essere stanziati dalla Regione Puglia che ha beneficiato nel gennaio scorso di un finanziamento del ministero dei Trasporti di 176mila euro circa da destinare a progetti “per lo sviluppo e la messa in sicurezza di itinerari e percorsi ciclabili e pedonali". La restante parte – 35mila euro - sarà a carico, invece, delle casse comunali. Il progetto di fattibilità tecnica è stato approvato dalla Giunta e candidato all'avviso pubblico pubblicato sul Burp il 10 ottobre.

Altri articoli di "Lecce"
Lecce
11/12/2019
Paura a bordo e un ritardo di nove ore per il decollo ...
Lecce
11/12/2019
Debutta lunedì 16 dicembre un nuovo treno per la ...
Lecce
11/12/2019
In una nota della società di via Costadura annunciata l’acquisizione ...
Lecce
11/12/2019
Due le iniziative presentate oggi: l’arcivescovo ...
La mortalità a causa delle patologie cerebrovascolari è ancora troppo alta, senza contare che sono la ...
clicca qui