Lecce sconfitto all’Olimpico ma sul risultato pesano le decisioni del Var

domenica 10 novembre 2019

Sconfitto 4 a 2 dalla Lazio di Inzaghi, il Lecce può recriminare soprattutto per l’annullamento del pareggio di Lapadula sugli sviluppi di un rigore sbagliato da Babacar.

Roma: Il Lecce sconfitto per quattro a due esce a testa alta dallo scontro dell'Olimpico con la Lazio. Decisivi sul risultato alcuni episodi di gara, tra tutti il secondo errore dal dischetto di Babacar e almeno due decisioni del Var che hanno inciso oltre misura sulla buona prestazione della squadra di Liverani.

Al fischio d'inizio è la Lazio a prendere l'iniziativa con Correa e Luis Alberto che riscaldano subito i guanti di un reattivo Gabriel. Al 15' la sfida si accende, con occasioni da gol su entrambi i fronti.

Mancosu, servito in area da Lapadula, calcia alto da ottima posizione. Al 19' risposta biancoceleste col tentativo di Luis Alberto, direttamente da calcio d'angolo, sui cui l'estremo difensore giallorosso si fa trovare pronto. Appena due minuti e il Lecce, torna a farsi vivo dalle parti di Strakosha con i tentativi di Babacar e Mancosu su punizione. Al 24' sugli sviluppi di corner, Lazio vicina al vantaggio con Lulic.

Il gol è nell'aria e al 30' la squadra di Simone Inzaghi, passa in vantaggio con Correa, abile a controllare un assist filtrante in area e battere Gabriel.

Il Lecce, nonostante lo svantaggio, reagisce e lo fa con veemenza. Al 40' il meritato pareggio giallorosso: Calderoni mette al centro da corner, Rossettini prolunga sul secondo palo e Lapadula è il più lesto di tutti ad insaccare.

La gara tornata in equilibrio offre continui capovolgimenti di fronte ma si va al riposo sull'uno a uno.

Nel secondo tempo, tornano in campo gli stessi undici e la sfida prosegue su ritmi elevati. Fioccano le occasioni da rete: al 49' Lazio pericolosa con il colpo di testa di Luis Alberto. Al 50' il Lecce replica con Babacar ma Strakosha è super in due tempi a respingere il colpo di testa. Le squadre continuano ad affrontarsi a viso aperto.

Al 61' è la Lazio a tornare in vantaggio con Milinkovic-Savic, lesto nell'anticipare la difesa salentina e trasformare in rete l'assist dalla sinistra di Lulic. Il gol scuote nuovamente la squadra di Liverani che si spinge in avanti e al 66' conquista la chance del pari: Mancosu viene atterrato in area e l'arbitro decreta il penalty. Della battuta se ne incarica Babacar ma Strkosha è reattivo e respinge, Lapadula si fionda sulla sfera e insacca. Sembrerebbe il gol del 2 a 2, ma il direttore di gara, dopo consulto Var annulla il pari per la posizione irregolare dell'attaccante giallorosso.

L'urlo di gioia strozzato in gola fiacca il Lecce, che nel giro di poco minuti subisce le ripartenze laziali e incassa i gol di Immobile, su rigore dubbio fischiato dal Var per tocco di mano di Calderoni, e Correa. Al 84' La Mantia subentrato a Babacar, riduce lo svantaggio e tiene in partita il Lecce con un pregevole colpo di testa, che gli vale il primo gol in Serie A.

Nei quattro minuti di recupero il Lecce non demorde, sfiora il terzo gol con il palo colpito ancora da La Mantia, ma il risultato premia la Lazio che sale al terzo posto in classifica.

TABELLINO 

LAZIO - LECCE 4 a 2

LAZIO: Strakosha, Felipe, Acerbi, Patric (72' Bastos), Lazzari, Milinkovi-Savic, Leiva, Luis Alberto, Lulic, Immobile, Correa (86' Berisha). A disposizione: Adekanye, Anderson, Bastos, Berisha, Cataldi, Jony, Parolo, Vavro, Caicedo, Guerrieri. All. Inzaghi

LECCE: Gabriel, Meccariello (85' Rispoli), Calderoni, Rossettini, Lucioni, Majer (69' Shakov), Tachtsidis, Petriccione, Mancosu, Lapadula, Babacar (72' La Mantia). A disposizione: Vigorito, Benzar, Dell'Orco, Riccardi, Imbula, Lo Faso, Shakov, Rispoli, Vera, La Mantia. All. Liverani

ARBITRO: Manganiello di Pinerolo, assistenti: Longo e Manganelli, IV uomo: Massimi, Var: Pairetto di Nichelino

MARCATORI: 30' Correa (L), 40' Lapadula (Le), 61' Milinkovic-Savic (L), 77' Immobile (L), 80' Correa (L), 84' La Mantia (Le)

NOTE: ammoniti Mancosu (Le), Leiva (L), Lapadula (Le), Shakov (Le), Immobile (L), Lucioni (Le)

Andrea Tafuro

Altri articoli di "Calcio"
Calcio
11/12/2019
In una nota della società di via Costadura annunciata l’acquisizione ...
Calcio
11/12/2019
Un dono “plastic free”. È quello che la ...
Calcio
11/12/2019
L'attaccante italo-peruviano torna dopo due giornate di ...
Calcio
11/12/2019
Era l'11 dicembre del 1999, a poche settimane dall'arrivo del nuovo millennio, e al Via ...
La mortalità a causa delle patologie cerebrovascolari è ancora troppo alta, senza contare che sono la ...
clicca qui