Il premio Tastevin AIS per “Le Braci” di Garofano: solo 22 eccellenze in Italia

martedì 5 novembre 2019

Il riconoscimento consegnato in occasione della presentazione della guida Vitae 2020. 

“Le Braci”, il vino da uve negroamaro prodotto da Garofano Vigneti e Cantine di Copertino, si è aggiudicato il Tastevin, prestigioso premio di eccellenza conferito da AIS - Associazione Italiana Sommelier, consegnato in occasione della presentazione della guida Vitae 2020, che recensisce ogni anno i migliori vini italiani.  

Solo 22 vini ogni anno vengono insigniti dello speciale riconoscimento, uno per regione, solo quelli che hanno contribuito a imprimere una svolta produttiva al territorio di origine, rappresentano un modello di riferimento di indiscusso valore nella rispettiva zona e hanno riportato sotto i riflessori vitigni dimenticati. 

È stata premiata l’annata 2013, disponibile sul mercato da pochi giorni. Ne “Le Braci” c’è l’ispirazione eccezionale di Severino Garofano, l’enologo irpino d’origine e pugliese di adozione che ha cambiato per sempre le sorti della vitivinicoltura meridionale eleggendo il negroamaro a vitigno principe della produzione salentina di qualità e non più vino da taglio, che costituisce oggi la base di tutti i vini Doc e IGT della zona.Scomparso nel settembre 2018, oggi il suo lavoro prosegue grazie ai figli Stefano e Renata che mantengono a tutti i costi i valori che sono diventati le caratteristiche distintive delle etichette di casa Garofano. 

Proprio Stefano e Renata Garofano hanno ritirato l’ambito premio a Roma, nella Convention Center La Nuvola di Massimiliano Fuksas, lo scorso venerdì 25 ottobre. Sabato 26 si è tenuta poi la presentazione ufficiale della guida 2020 con i conferimenti delle Quattro Viti, il massimo riconoscimento previsto da Vitae, assegnato ancora una volta anche a Le Braci 2013, che in questa annata porta all’occhiello anche i Cinque Grappoli di Bibenda. 

Le Braci, Salento IGP, è una delle selezioni dell’azienda, prodotto da uve Negroamaro (100%), colore intenso con riflessi purpurei, tendenti al granato. Morbido, elegante, sontuoso al palato, regala una lunga persistenza di sensazioni gusto-olfattive. La sovramaturazione delle uve, ovvero l’avvizzimento spinto degli acini, processo che avviene solo in alcune annate quando il clima è favorevole, dona al vino una struttura complessa e sontuosa.L’etichetta continua a riscuotere i massimi riconoscimenti dalle maggiori guide di settore. Ha ottenuto il Sole di Veronelli con l’annata 2010, punteggi di eccellenza da Robert Parker, oltre le 4 viti AIS e i 5 Grappoli Bibenda nelle varie edizioni. L’azienda è anche Azienda Slow sulla guida Slowine, dove Le Braci è anche stato insignito come Vino Slow.

 

 

 

Altri articoli di "Enogastronomia"
Enogastronomia
17/11/2019
Il titolare della pasticceria “Le Mille Voglie” ...
Enogastronomia
14/11/2019
È 400 Gradi la migliore pizzeria di tutta la Puglia. ...
Enogastronomia
13/11/2019
Il due stelle Michelin del ristorante San Domenico di ...
Enogastronomia
12/11/2019
Proporrà tre ricette originali: minestra di marroni ...
Uno spot della Regione Puglia con Lino Banfi sottolinea il rischio dell’influenza del falsi miti sui vaccini: dal ...
clicca qui