Tartaruga d'acqua abbandonata a Cavallino, le guardie zoofile: "Rischio multa da 150mila euro"

martedì 5 novembre 2019

Scaduto il 31 agosto 2019 il termine per denunciarne il possesso all’ISPRA (Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale), inizia il fenomeno dell’abbandono.

Sta bene la tartaruga d’acqua della specie Trachemys scripta ritrovata della Guardie Zoofile NOGRA alcuni giorni fa, nella zona archeologica di Cavallino, e consegnata alle cure del Museo di Storia Naturale di Calimera.

Solo due mesi fa scadeva il termine ultimo, previsto dal Decreto Legislativo n.230/2017, per denunciare il possesso delle tartarughe d’acqua.

La Trachemys scripta, conosciuta con il nome di testuggine palustre americana è una specie d’acqua dolce di taglia media, caratterizzata da una prominente macchia rossa o gialla su entrambi i lati del capo e delle nette e regolari striature gialle sul collo.

"È un rettile molto diffuso su tutto il territorio nazionale ed è considerato da decenni uno degli animali da compagnia più popolari – affermano dal NOGRA – ma, come tutte le specie aliene, esotiche e invasive, possono causare l’estinzione delle specie tipiche dei nostri territori, danneggiare irrimediabilmente l’habitat che occupano o avere notevoli impatti sanitari, a causa della trasmissione di allergie o malattie, come la salmonellosi, nell’uomo, tuttavia non c’è da allarmarsi, basta seguire delle basilari regole di igiene.

La 'denuncia' entro i termini previsti era molto importante sia per legittimare il possesso dell’animale ma anche per permettere di conoscere l’effettivo numero di esemplari di tale specie presenti sul nostro territorio nazionale e adottare, per il futuro, adeguate misure di protezione – continuano dal NOGRA – Ci auguriamo che sia stato solo un episodio sporadico anche se temiamo in un fenomeno che potrebbe svilupparsi nei prossimi mesi dal momento che la mancata denuncia entro i termini di legge è passibile di sanzione amministrativa con il pagamento di una somma da 150 ad 20.000 euro. Ci teniamo a comunicare a tutti i cittadini in possesso di una Trachemys scripta, che non hanno provveduto a denunciarne il possesso, che l’abbandono è punito con l’arresto fino a tre anni o con l’ammenda da 10.000 a 150.00 euro. 

Altri articoli di "Cavallino"
Cavallino
13/12/2019
Il tentato furto non è andato a segno coi banditi ...
Cavallino
11/12/2019
Con delle grosse mazze hanno mandato in frantumi la porta ...
Cavallino
07/12/2019
Il sacerdote, parroco nella comunità di Mater Ecclesiae a Castromediano, era da ...
Cavallino
29/11/2019
Ieri mattina due dipendenti del negozio Globo nel Centro ...
Nel Centro Calabrese di Cavallino si è tenuto un convegno per fare chiarezza sulle grandi opportunità che ...
clicca qui