"Caserme aperte": i piccoli allievi dello "Smaldone" in visita alla caserma Nacci

martedì 5 novembre 2019

Nel giorno della festa dell’Unità nazionale e delle Forze Armate, gli studenti hanno partecipato al primo appuntamento dell'iniziativa promossa dal 31° Reggimento Carri.

Caserme aperte a Lecce per celebrare la festa dell’Unità nazionale e delle Forze Armate. L’iniziativa promossa dal 31° reggimento carri comandato dal Colonnello Francesco Antonio Serafini, di stanza nella caserma “Nacci”, ha visto la partecipazione delle classi quinte della Scuola primaria dell’Istituto “Filippo Smaldone” di Lecce. A guidare i piccoli scolari, emozionati e incuriositi per l’esperienza all’interno della sede leccese del reggimento, c’erano il Tenente Colonnello Giuseppe Laudisa e il Capitano Sandro Santoro. Gli alunni, schierati al fianco dei militari, hanno partecipato al momento solenne del cerimoniale, l’Alzabandiera, cantato l’Inno di Mameli, visitato una mostra statica dei sistemi d’arma e degli equipaggiamenti, toccato con mano lanciarazzi, ricetrasmittenti e il carro Blindo centauro che i militari impiegano in addestramento e in operazioni, osservato una dimostrazione sulle tecniche di difesa personale con il metodo di combattimento militare (MCM) e visionato un video educativo sui valori dell'essere militare, sul significato del tricolore e sui compiti fondamentali della Forza Armata fuori dal territorio nazionale, in patria ed in concorso per le pubbliche calamità.

All’iniziativa “Caserme aperte”, che è proseguita per tutto l’arco della giornata, hanno partecipato inoltre diverse associazioni, delegazioni, ex militari e amministratori locali.

Altri articoli di "Scuola"
Scuola
12/11/2019
Si è conclusa ieri con una partecipazione numerosa ...
Scuola
07/11/2019
Si tratta del “Don Tonino Bello” per il Liceo Classico, del “Banzi ...
Scuola
06/11/2019
Prevista la consegna di borse di studio, di attestati di ...
Scuola
30/10/2019
Un'iniziativa volta a favorire un raccordo sempre piu? ...
Uno spot della Regione Puglia con Lino Banfi sottolinea il rischio dell’influenza del falsi miti sui vaccini: dal ...
clicca qui