ArcelorMittal rinuncia all’ex Ilva: manca l’immunità penale. A rischio 10mila posti di lavoro

lunedì 4 novembre 2019

La comunicazione della multinazionale in una lettera ai commissari straordinari. Entro 30 giorni l’addio alla guida degli stabilimenti di Taranto, Cornigliano e Novi Ligure.

Il gruppo angloindiano ArcelorMittal lascia la guida dell’ex Ilva. Con una lettera notificata ai commissari straordinari dell’azienda, è stata comunicata la volontà di rescindere l’accordo per l’affitto con acquisizione delle attività di Ilva Spa e di alcune controllate.

Secondo i contenuti dell’accordo del 31 ottobre 2018, ArcelorMittal ha chiesto ai commissari straordinari di assumersi la responsabilità delle attività di Ilva e dei dipendenti entro 30 giorni dal ricevimento della comunicazione. Tra le cause, oltre al mancato scudo legale e ai provvedimenti del tribunale di Taranto anche “altri gravi eventi, indipendenti dalla volontà di ArcelorMittal, hanno contribuito a causare una situazione di incertezza giuridica e operativa che ne ha ulteriormente e significativamente compromesso la capacità di effettuare necessari interventi presso Ilva e di gestire lo stabilimento di Taranto. Tutte queste circostanze garantiscono alla società anche il diritto di risolvere il contratto in base agli applicabili articoli e principi del codice civile italiano”.

“Apprendiamo la notizia della volontà di ArcelorMittal -afferma il segretario nazionale della Fim Cisl Marco Bentivogli- di comunicare ai commissari la volontà di recedere il contratto. Significa che partono da oggi i 25 giorni per cui lavoratori e impianti ex Ilva torneranno all’amministrazione straordinaria. Tra le motivazioni principali, il pasticcio del Salva-imprese sullo scudo penale. Un capolavoro di incompetenza e pavidità politica: non disinnescare bomba ambientale e unire bomba sociale”.

La decisione di ArcelorMittal è “inaccettabile. L’incontro con il governo, che chiediamo da settimane, diventa ormai urgentissimo, -afferma la segretaria generale della Fiom-Cgil, Francesca Re David-. Una decisione che assume un carattere grave per le conseguenze industriali, occupazionali e ambientali. È da tempo che noi evidenziamo forti preoccupazioni rispetto alla realizzazione dell’accordo. Il comportamento del governo è contraddittorio e inaccettabile: con il Conte 1 ha introdotto la tutela penale parallela agli investimenti e con il Conte 2 ha cancellato la stessa norma dando all’azienda l’alibi per arrivare a questa decisione. Arcelor deve chiarire quali siano sue intenzioni rispetto dell’accordo e al piano di investimenti. In occasione dell’incontro fissato per stasera con la presidenza del Consiglio, la Cgil porrà la questione dell’ex Ilva come una priorità”, conclude la leader della Fiom.

Il Pd chiede al premier, Giuseppe Conte, di convocare subito l’azienda. “Sulla vicenda Ex Ilva - afferma Pietro Bussolati della segreteria nazionale - esprimiamo tutta la nostra preoccupazione e lo sconcerto per l’annuncio da parte di Arcelor Mittal del disimpegno sull’azienda. Non si perda tempo: il presidente Conte convochi immediatamente Arcelor Mittal. Non si scherza con i lavoratori e con l’ambiente: pretendiamo serietà e rispetto”.

Altri articoli di "Economia e lavoro"
Economia e lavoro
19/11/2019
Un fulmine a ciel sereno per i dipendenti del punto vendita ...
Economia e lavoro
19/11/2019
Giovedì incontro tra azienda e sindacati, contemporaneamente sit-in davanti ai ...
Economia e lavoro
19/11/2019
La protesta dei dipendenti della Muccio srl sostenuta dalla ...
Economia e lavoro
18/11/2019
I sindacati dichiarano il piano industriale ...
La MCS è una patologia rara, oscura e difficile da diagnosticare. Fino a qualche anno fa veniva curata in un ...
clicca qui