In Regione presentata una mozione a sostegno del popolo curdo

giovedì 17 ottobre 2019

A presentarla il gruppo di Leu/I Progressisti. Abaterusso: “Regione condanni la guerra avviata dall’esercito turco”.

“La Regione Puglia condanni la guerra avviata dall’esercito turco, per volontà del Presidente Erdogan, nei confronti del popolo curdo e solleciti Governo nazionale e comunità internazionale a prendere una posizione chiara e netta”. È quanto chiede il Presidente del Gruppo LeU/I Progressisti in Regione Puglia, Ernesto Abaterusso, che ha presentato una mozione a riguardo in Consiglio regionale.

“Di fronte alle preoccupanti notizie che giungono dal nord della Siria – sostiene Abaterusso – la Puglia, regione da sempre in prima linea nella promozione di una cultura di pace e solidarietà tra i popoli, non può rimanere in silenzio ma deve trovare il coraggio e la forza di condannare le offensive militari attualmente in corso nel nord della Siria che vedono coinvolti uomini e donne verso i quali abbiamo un senso di riconoscenza. È grazie alla battaglia da loro condotta per contrastare il terrorismo islamico dell’ISIS, infatti, se sono state garantite all’Italia e all’Europa sicurezza e serenità”.

“Ci aspettiamo quindi dalle istituzioni tutte un deciso impegno perché si arrivi a porre fine a questa aggressione, tutelando la popolazione curda e avviando un percorso di cooperazione allo sviluppo che favorisca pace, stabilità, democrazia e il diritto all'autodeterminazione da troppo tempo negato” conclude il Presidente del Gruppo LeU/I Progressisti. 

Immagine di repertorio

 

 

Altri articoli di "Politica"
Politica
18/11/2019
L'impegno dell’associazione Bene Comune Tuglie per il ...
Politica
17/11/2019
I consiglieri di opposizione dopo i recenti avvenimenti ...
Politica
17/11/2019
Dal consiglio comunale monotematico un forte no al ...
Politica
17/11/2019
Partiranno domani i lavori di riqualificazione della ...
L’équipe del professor Carlo Foresta da diverso tempo sta studiando gli effetti di alcuni materiali con ...
clicca qui