Pulizie nelle scuole, 250 lavoratori rischiano il licenziamento: domani lo sciopero

lunedì 14 ottobre 2019

Sciopero nazionale organizzzto da Cgil. Appalti nelle scuole statali, l’internalizzazione parte il 1° gennaio, ma riguarda solo 11.200 lavoratori su 16.000. In provincia di Lecce accantonati appena 451 posti di lavoro a fronte di 700 addetti

L’internalizzazione per i lavoratori degli appalti nelle scuole statali arriverà, ma non per tutti. È questo il messaggio lanciato dal tavolo ministeriale aperto tra il Ministero dell’Istruzione (Miur) e i sindacati. Ed è un messaggio che a lavoratori e organizzazioni sindacali non basta. Domani, martedì 15 ottobre, i lavoratori ausiliari e addetti alle pulizie nelle scuole statali sciopereranno e manifesteranno a Roma in piazza Montecitorio (dalle ore 10), per ottenere tutti insieme l’assorbimento nell’organico scolastico. Un traguardo agognato per anni, che i sindacati accolgono con favore, pretendendo però che sia raggiungibile per tutti i lavoratori. Oggi invece rischiano di restare a casa quasi 5mila persone. In provincia di Lecce gli addetti sono 700, ma i posti di lavoro accantonati per l’internalizzazione a partire dal 1° gennaio 2020 sono appena 451. A livello regionale a fronte di circa 2.400 lavoratori impiegati, hanno la certezza di rientrare in 1.646.

L’ultima Legge di Stabilità ha individuato per questi lavoratori l’approdo naturale nell’organico scolastico. A pochi mesi dall’internalizzazione, le aziende appaltatrici in tutta Italia hanno già avviato le procedure di licenziamento collettivo. L’operazione di internalizzazione rischia perciò di provocare la perdita di 5mila posti di lavoro.

Se ne è parlato il 10 ottobre durante un incontro al Miur. Ai sindacati quanto emerso in quella sede, ossia la conferma dell’internalizzazione dal 1° gennaio 2020 e una procedura selettiva più veloce (senza la fase del colloquio), non basta. Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl e Uiltrasporti pretendono l’allargamento della platea dei lavoratori internalizzati per non perdere neanche un posto di lavoro. La richiesta delle organizzazioni sindacali è chiara: un tavolo a Palazzo Chigi che coinvolga anche altri Ministeri, in modo da trovare una soluzione complessiva che non lasci fuori dal processo di internalizzazione alcun lavoratore. C’è bisogno di individuare modalità, strumenti e risorse necessarie per trovare una soluzione più inclusiva possibile. È inaccettabile, infatti, che un percorso capace di mettere fine ad anni di difficoltà si concluda con licenziamenti e perdita di migliaia di posti di lavoro. Occorrono soluzioni nel segno della solidarietà e dell’inclusione e che rappresentino una risposta complessiva al tema della precarietà. 

Altri articoli di "Economia e lavoro"
Economia e lavoro
12/11/2019
Coldiretti Puglia chiede di verificare le condizioni per lo ...
Economia e lavoro
10/11/2019
Dal 5 fino a domenica 10 novembre 2019 la Puglia è ...
Economia e lavoro
09/11/2019
Incontro con le associazioni prima del convegno ...
Economia e lavoro
06/11/2019
La società ha ribadito, nel giorno del vertice a ...
Si possono ottenere grandi risultati (compresa la perdita di peso) con un regime alimentare che prevede la riduzione ...
clicca qui