A scuola il ricordo del “gigante” della Costituzione: un melograno per Aldo Moro

domenica 13 ottobre 2019

Significativa cerimonia per lo statista magliese presso la scuola “Principe di Piemonte” di Maglie.

I bambini e le bambine delle classi quinte dell’istituto “Principe di Piemonte” di Maglie hanno piantato, venerdì scorso, un albero di melograno dedicato ad Aldo Moro. Una semplice, ma significativa cerimonia con la quale si è concluso il percorso di Cittadinanza e Costituzione “Il giardino dei melograni” dedicato allo statista magliese, realizzato nel precedente anno scolastico. Allo stesso tempo è stato dato avvio al progetto di quest’anno, dedicato ad un altro salentino, Antonio Montinaro, caposcorta del giudice Giovanni Falcone, uccisi entrambi, insieme con la moglie Francesca Morvillo e con gli altri compagni, nella strage di Capaci il 23 maggio del 1992.

“Ogni anno, le scuole della rete “Veliero Parlante”, -ha spiegato la dirigente Maria Stella Colella- di cui la nostra istituzione fa parte, dopo aver approfondito la conoscenza di un “gigante”, una personalità di spicco, esempio di impegno civile, nel mese di ottobre, contemporaneamente, rendono omaggio alla sua memoria con la piantumazione di un albero di melograno e la deposizione di una targa che richiami costantemente alla responsabilità di ciascuno”.

Nell’incontro che ha preceduto la cerimonia, dopo i saluti della dirigente scolastica, Maria Stella Colella, e del sindaco di Maglie, Ernesto Toma, i bambini, le bambine, i genitori e i docenti hanno potuto scoprire la visione profetica del pensiero di Aldo Moro rispetto a temi di scottante attualità, quali quello dell’ambiente e del paesaggio.

L’intervento del senatore Giorgio De Giuseppe ha stimolato, infatti, l’attenzione sull’importante, e poco noto, ruolo ricoperto dallo statista pugliese nella scrittura dell’articolo 9 della Costituzione, su beni culturali e paesaggio, e sulla necessità che ciascuno assuma stili vita improntati alla salvaguardia dell’ambiente, come bene da tutelare, custodire e garantire per le future generazioni.

L’evento rappresenta una delle prime tappe del progetto annuale d’istituto, #idenit@inrete, che accompagnerà gli alunni del primo circolo alla scoperta delle proprie radici in una dimensione di dialogo e confronto, tra passato, presente e, soprattutto, di diritto al futuro. 

Altri articoli di "Scuola"
Scuola
12/11/2019
Si è conclusa ieri con una partecipazione numerosa ...
Scuola
07/11/2019
Si tratta del “Don Tonino Bello” per il Liceo Classico, del “Banzi ...
Scuola
06/11/2019
Prevista la consegna di borse di studio, di attestati di ...
Scuola
05/11/2019
Nel giorno della festa dell’Unità ...
L’incapacità di “mentalizzare” gli stati d’animo emotivi dell’altra persona ...
clicca qui