Lidl, Comune e società insieme per studiare soluzione e salvare il supermercato

mercoledì 9 ottobre 2019

Lidl di via del Mare, dopo lo stop l'azienda e il Comune hanno avviato un dialogo per salvare le sorti del supermercato e dei lavoratori. 

Lo fa sapere ikl sindaco Carlo Salvemini che rende noto il contenuto di una missiva inviata a Palazzo Carafa dai vertici del colosso tedesco della grande distribuzione in cui si manifesta “l'adesione della società alla soluzione prefigurata che prevede sia la corresponsione di un importo a titolo di fiscalizzazione delle opere divenute abusive a seguito e per effetto della decisione del Consiglio di Stato del 24 maggio 2019, sia la redazione, sempre a carico della società, di un un progetto di riqualificazione del contesto in cui si è insediata la struttura commerciale".
All'origine dei sigilli al supermercato apposti sabato scorso l'incompatibilità evidenziata in sede di giustizia amministrativa con gli strumenti urbanistici della città. Uno scoglio che si tenterà di superare: “Da oggi si apre per LIDL la doverosa verifica delle condizioni di sostenibilità dell’investimento realizzato in viale della libertà nel contesto di una nuova cornice che impone alla stessa - se vuole evitare l’eliminazione della struttura - non solo l’eventuale versamento di una sanzione pecuniaria, ma anche la proposta di una convenzione col comune per dare alla città quei servizi d’interesse collettivo compatibili con la originaria destinazione del PRG” ha ribadito il primo cittadino Carlob Salvemini.


 

Altri articoli di "Economia e lavoro"
Economia e lavoro
16/10/2019
A Roma Slc, Fistel e Uilcom hanno raggiunto un accordo che ...
Economia e lavoro
16/10/2019
Il panino dell'Alto Salento è l'idea gastronomica ...
Economia e lavoro
14/10/2019
Promossa la soluzione di compromesso per il secondo ...
Economia e lavoro
14/10/2019
Sciopero nazionale organizzzto da Cgil. Appalti nelle ...
La cultura del rispetto della salute, del mangiar sano, della sicurezza sul lavoro, della necessità delle ...
clicca qui