Partiti i lavori alla biblioteca "Vergari": nasce il Giardino dei lettori

lunedì 7 ottobre 2019

Sospesi i servizi, ad ottobre possibile solo il rientro dei volumi. Riapertura a primavera.

Sono iniziate alla biblioteca comunale “Achille Vergari” le operazioni di sgombero degli arredi e di trasferimento del patrimonio librario propedeutiche all’intervento di restauro, allestimento e innovazione e contestualmente sono in corso sulla facciata esterna alcuni saggi di tipo tecnico, anch’essi preliminari ai lavori previsti dal progetto ammesso a finanziamento per 950 mila euro nell’ambito dell’avviso pubblico Smart In Community Library della Regione Puglia. Si tratta di lavori relativi in parte al recupero, alla ristrutturazione, alla riqualificazione e all’ammodernamento della biblioteca (affidati per 459 mila euro alla Ciullo Restauri s.r.l.) e in parte ai successivi interventi di innovazione tecnologica, valorizzazione e fruizione. Da qualche giorno i servizi della biblioteca sono sospesi, mentre per tutto il mese di ottobre sarà possibile soltanto effettuare la restituzione dei libri, precisamente nei giorni di lunedì e giovedì dalle ore 16:30 alle 19. Tutti i volumi saranno spostati secondo una rigida procedura spaziale e temporale e custoditi in un locale attiguo alla biblioteca, concesso gratuitamente da un privato all’amministrazione comunale. L’obiettivo è riaprire la biblioteca “Achille Vergari” nel corso della prossima primavera.

Il progetto Il Giardino dei lettori: biblioteca diffusa di comunità e innovazione trasformerà radicalmente quello che, dal 1895, è il punto di riferimento culturale della comunità neretina (con un patrimonio librario di oltre 75 mila volumi). Il primo tipo di interventi (sulla struttura), progettati dall’ingegnere Alberto Antico e dall’architetto Egidio Muci, consentirà il ripristino dei prospetti esterni, il risanamento delle murature interne, la sostituzione della pavimentazione e degli infissi, la revisione e la manutenzione di tutti gli impianti e soprattutto la sistemazione del giardino interno, con la risistemazione del verde e la creazione di nuovi spazi aggregativi. Quest’ultimo intervento, una novità assoluta nella vita della biblioteca, darà il senso della “community”, della biblioteca di comunità, orientata a diventare un presidio di partecipazione e coesione culturale. Il progetto prevede anche un ripensamento della distribuzione delle funzioni all’interno della struttura, al fine di ottimizzarne l’operatività e di accogliere efficacemente i nuovi servizi. Gli investimenti in tecnologie dell’informazione e comunicazione (tavoli interattivi, totem multimediali, sistema di digital signage, postazioni informatiche e wi-fi, cuffie wireless), poi, consentiranno di promuovere l’accesso al patrimonio culturale, abbattendo le attuali barriere alla fruizione.

Il secondo tipo di interventi (sui contenuti) porterà poi alla creazione, all’ampliamento e al rafforzamento di alcune sezioni tematiche della biblioteca, alla digitalizzazione dei volumi, alla creazione di una nuova identità, smart e friendly, con l’acquisizione di un logo e di un’identità grafica unitaria, infine alla creazione di un sito web e di un app che facilitino l’interazione con gli utenti.

 

 

 

 

 

Altri articoli di "Cultura"
Cultura
21/10/2019
Una giornata dedicata alla cultura e alle peculiarità dei due territori. Poi la ...
Cultura
19/10/2019
La meglio gioventù europea si incontra a Specchia dal 20 al 28 ottobre 2019 per ...
Cultura
17/10/2019
Da giovedì 24 a domenica 27 ottobre torna ...
Cultura
15/10/2019
Cinque giorni di visite ed esperienze emozionali per la festa di San Rocco e per ...
Sovrappeso e obesità sono grandi problemi che colpiscono sempre più bambini (con percentuali preoccupanti ...
clicca qui