Lecce travolto in casa dell'Atalanta: è netto ko

domenica 6 ottobre 2019

Un Lecce molto meno brillante del solito, nettamente il peggiore visto in trasferta, esce battuto dal Gewiss Stadium di Bergamo al cospetto di un’Atalanta troppo più forte. Il match termina infatti 3-1 solo grazie alle tantissime parate di Gabriel. I giallorossi restano così a quota sei in classifica, al terz’ultimo posto in compagnia di Spal, Sassuolo e Brescia.

Liverani decide di cambiare qualcosa nel suo 4-3-1-2, proponendo dall’inizio Imbula a centrocampo e La Mantia di punta. Turnover non poi così tanto massiccio per Gasperini, che in avanti punta sul trio delle meraviglie Ilicic-Gomez-Zapata. Atalanta subito padrona del campo e vicina del gol al 2′ con Zapata, che di testa spreca. Ancor peggio fa Ilicic al 9′: lo sloveno si presenta solo davanti a Gabriel, decisivo nel deviare in corner. Due minuti ed ecco il primo squillo salentino con Majer, che riceve da Rispoli e di piattone manda al lato da ottima posizione. Alla mezz’ora doppia occasione per Gomez, due volte al tiro dal limite e che due volte trova la respinta difficoltosa di Gabriel. Il Lecce fatica a contenere gli attacchi avversari e soprattutto sbaglia tanto in uscita. Proprio così propizia il vantaggio locale, arrivato al 35′ con Zapata che sfrutta un’incomprensione tra Lucioni e Rispoli per trafiggere Gabriel. Tre minuti dopo il Lecce ha l’occasione del pari con La Mantia, che spreca da due passi calciando su Gollini. E’ tutto merito della premiata ditta Gomez-Zapata, invece, il bis atalantino del 41′. Perfetta sponda del colombiano per il Papu, che indovina il palo lontano e raddoppia. Si va al riposo sul 2-0.

Ma l’avvio di ripresa è ancor peggio per il Lecce, asfaltato dalla furia bergamasca. Due giri de lancette e Zapata ha l’occasione per calare il tris, ma calcia sull’esterno della rete. Al 53′ Gomez calcia alto dal limite sugli sviluppi di un tiro dalla bandierina. I nerazzurri rinviano l’appuntamento con la terza rete di soli tre minuti, quando Ilicic invita Gosens a tagliare una difesa salentina messa malissimo e realizzare agevolmente il tris con un perfetto rasoterra.  Soli cinque giri di lancette e Ilicic fallisce il poker, mandando alto da ottime posizione. E al 73′ ancora lo sloveno perde il duello con Gabriel, che gli dice di no nell’ennesimo a tu per tu del suo pomeriggio. Nel finale, mosso dall’orgoglio, il Lecce prova a riaprire il match all’83’ con Lucioni, che di testa insacca su cross di Falco. E’ solo un’illusione

Ora la pausa per la nazionale, poi per il Lecce trasferta in casa del Milan domenica 20.

Altri articoli di "Calcio"
Calcio
17/10/2019
Il terzo anello verde dello stadio San ...
Calcio
16/10/2019
L'ex centrocampista di tante squadre, tra cui il Lecce, a ...
Calcio
14/10/2019
Zdenek Zeman, dalle colonne del ‘Messaggero’, ...
Calcio
14/10/2019
Il Seclì di mister Solidoro batte l’ex capolista Salve con un perentorio 4 a ...
La cultura del rispetto della salute, del mangiar sano, della sicurezza sul lavoro, della necessità delle ...
clicca qui