Polo Pediatrico del Salento, "un indispensabile lavoro di squadra"

domenica 22 settembre 2019

Riceviamo l’intervento di Michele Gangemi, presidente Comitato Scientifico dell’Associazione Triacorda onlus Lecce, direttore dei Quaderni ACP (Associazione Culturale Pediatri), Pediatra di famiglia.

Il bisogno di salute dei bambini e degli adolescenti richiede oggi risposte di livello elevato ed adeguato alle conoscenze, affidate nella gestione a personale formato e preparato, attraverso un’assistenza erogata in ambienti pensati e realizzati a misura di bambino e nel rispetto delle esigenze degli adolescenti, che tengano conto delle necessità di tutta la famiglia. Fondamentale ed imprescindibile è garantire l’attività multidisciplinare interspecialistica e la continuità assistenziale, attraverso una rete integrata di assistenza, intra ed extra-ospedaliera, che coinvolga l’ospedale ed il territorio, l’accoglienza per il minore in strutture pediatriche fino al 18° anno e la possibilità di adeguata transizione nell’ambito della medicina dell’adulto attraverso modalità di cura e accompagnamento adeguati. Tassello centrale del sistema proposto è l'apporto del volontariato, importante per creare una cultura sociale del servizio sanitario. Soprattutto nel settore della pediatria dove è straordinariamente importante la collaborazione tra sanitari, bambini e famiglie nel percorso diagnostico- terapeutico. 

Il Progetto del Polo Pediatrico del Salento aderisce a quanto stabilito dalla Convenzione Internazionale sui Diritti dell’infanzia e dell’adolescenza del 20 novembre 1989, ma soprattutto è in linea con quanto stabilito a livello ministeriale e regionale. L’obiettivo è garantire le cure a misura di bambino e di adolescente coniugando qualità ad umanizzazione, garantendo l’erogazione all’interno della Regione, in collaborazione con altre strutture regionali, limitando fin dove è possibile la migrazione di bambini malati e famiglie, e promuovendo l’impegno dei professionisti in ambito locale.

In questa ottica di progressiva valorizzazione del concetto di ‘area pediatrica intra ed extra-ospedaliera per il nostro territorio salentino ed in qualità di Presidente del Comitato Scientifico dell’Associazione Tria Corda, sostengo e confermo la ormai improcrastinabile necessità di realizzare il ‘Polo Pediatrico del Salento’ e, in un’ottica di trasversalità, la difesa delle strutture dedicate all’area pediatrica già esistenti sul territorio regionale e nazionale.

Il Polo Pediatrico salentino deve essere uno degli interventi da finanziare con il Contratto Integrato di Sviluppo (CIS) e di questa proposta ringraziamo il Comune di Lecce e la Regione, da sempre sostenitori del progetto. Deve essere uno degli interventi perché è ora di porre fine al fenomeno della migrazione che impoverisce le risorse a disposizione della sanità regionale e crea difficoltà enormi alle famiglie. La creazione di strutture di riferimento per la garanzia di salute all’età pediatrica non solo è garanzia per la corretta gestione di patologie semplici e complesse ma consente di dare opportunità di lavoro qualificato ai nostri giovani. La riduzione del fenomeno ‘globale’ della migrazione e la riqualificazione delle strutture territoriali potrebbe restituirci i giovani professionisti che ora migrano e, perché no, contribuire a combattere la denatalità, entrambe fenomeni che, secondo i più recenti dati Istat, affliggono il Salento. Per realizzare tutto questo, il grande sogno di Carlo Corchia, illustre medico salentino innamorato della sua professione e della sua terra, deve scendere in campo una intera squadra, volontari, malati, famiglie ma soprattutto la società civile tutta. C’è bisogno di un segnale forte e chiaro ed è questo che attendiamo con ansia da anni.

Michele Gangemi

Altri articoli di "Sanità"
Sanità
16/10/2019
Nell’audizione in commissione regionale di studio e ...
Sanità
15/10/2019
Evento itinerante nei Comuni organizzato dall' Asl di ...
Sanità
14/10/2019
Il progetto nato nel 2011 coinvolge gli alunni delle scuole ...
Sanità
11/10/2019
 La denuncia del consigliere regionale pentastellato ...
Il piede torto congenito è una malformazione di ossa e articolazioni che colpisce uno o due neonati su mille: ...
clicca qui