Napoli, poker al Via del Mare: Llorente piega un Lecce generoso

domenica 22 settembre 2019

Un doppio Llorente apre e chiude il match, nel mezzo il gol della speranza di Mancosu dal dischetto. Qualche rammarico, ma non troppi, per i salentini.

Termina con un netto ko per 1-4 il derby del sud che il Lecce tornava a giocare con il Napoli dopo 7 anni. Un risultato che sarebbe potuto anche essere meno netto con una maggiore precisione dietro ed avanti dei giallorossi, che ad inizio e a fine match non hanno demeritato. Nulla da fare, la classifica recita ancora quota 3.

Ad inizio gara il Napoli prova a farla da padrone, trovandosi di fronte un Lecce ben messo in campo e particolarmente accorto alla fase difensiva. Il primo squillo è azzurro ma non è nulla di che, con un pretenzioso destro di Insigne nettamente alto. Meglio la risposta di Farias al quarto d’ora: azione personale ed esterno al lato di poco di Farias. Al 20′ bella azione di Majer che gira palla a Mancosu, il quale però perde l’attimo buono e calcia male di sinistro, con la palla che va larga sul fondo. A cavallo della mezz’ora sale in cattedra il Napoli, due volte vicino al gol con un destro di Insigne prima e un colpo di testa di Llorente poi: in entrambi i casi Gabriel sventa la minaccia. Nulla può il portiere brasiliano al 29′, quando gli azzurri passano proprio con Llorente che insacca in tap-in dopo il tiro di Milik respinto da Rossettini. Dopo una buona mezz’ora, il Lecce sparisce dal campo e i campani ne approfittano per raddoppiare. Lo 0-2 al 40′ porta la firma di Insigne che realizza un rigore indicato dal VAR e fatto ripetere dopo una prima parata di Gabriel per avanzamento dello stesso portiere. Si va così al riposo con il doppio vantaggio ospite.

Nel secondo tempo Lecce subito rabbioso e pericoloso. Dopo quattro minuti Lucioni sfiora il gol di testa, mandando alto su cross da punizione di Falco. Alla prima vera opportunità della ripresa è però il Napoli a colpire ancora, calando il tris con una strepitosa marcatura di Ruiz al 53′. Lo spagnolo rientra sul mancino e la mette sul palo lontano. La reazione giallorossa stavolta è veemente. Al 63′ tiro da fuori di Majer, Ospina la prende nell’angolino ma si avventa su Farias in modo falloso: rigore. Dal dischetto Mancosu la riapre, spiazzando l’estremo colombiano. Il Napoli a quel punto addormenta il match, riuscendo anzi a calare il poker al minuto 82 grazie al secondo appoggio facile facile di giornata di Llorente, che approfitta della corta respinta di Gabriel su Lozano. Tre minuti dopo Tabanelli è sfortunatissimo: il suo mancino volante è mandato sul palo da Ospina. Nel finale una netta occasione per parte: prima Gabriel si esalta su Lozano, poi Lapadula manda fuori un’occasione solo davanti al portiere. E’ 1-4 finale.

Nell’infrasettimanale di mercoledì il Lecce sarà di scena in casa della Spal, con calcio d’inizio alle ore 21.

 

Fonte: Salentosport.net

 

Altri articoli di "Calcio"
Calcio
23/10/2019
L'allenatore romano non potrà guidare il Lecce ...
Calcio
21/10/2019
Calcio e integrazione insieme, per dar vita alla squadra ...
Calcio
21/10/2019
La Deghi Calcio rientra senza punti dalla trasferta in terra barlettana. Sconfitta di ...
Calcio
21/10/2019
Corato capolista dopo la settima giornata di Campionato. I ...
I numeri sono confortanti: con le nuove tecnologie e con le nuove terapie guariscono di più i piccoli colpiti ...
clicca qui