Rifiuti, bilancio dell'attività estiva degli ispettori ambientali

giovedì 19 settembre 2019

Interventi e sanzioni per rifiuti domestici, area mercatale, supermercati, discariche abusive.

È stata un’estate di intenso lavoro per gli ispettori ambientali comunali, coordinati da Wanda Dolce e in servizio da luglio scorso con il compito di vigilare sulle buone e cattive abitudini ambientali a Nardò. Con il supporto e la supervisione della Polizia Locale e dell’assessorato all’Ambiente i dieci ispettori, muniti di pettorina e tesserino di riconoscimento, hanno vigilato sul rispetto dei regolamenti comunali e delle ordinanze sindacali in tema di deposito, gestione, raccolta e smaltimento dei rifiuti urbani, ma hanno soprattutto fornito un’opera di informazione, educazione, prevenzione su comportamenti contrari alla difesa del suolo e del paesaggio e alla tutela dell’ambiente. Gli interventi sono stati in totale una cinquantina e le sanzioni ammontano complessivamente a circa mille euro (ma altre sono in arrivo).

In particolare, l’attività degli ispettori ambientali ha riguardato l’area mercatale della zona 167, dove gli operatori (soggetti alle prescrizioni dell’ordinanza n. 40/2019), sono stati sensibilizzati adeguatamente circa la corretta gestione di scatoloni, materiali, rifiuti organici e altri rifiuti, soprattutto per quanto riguarda la zona delle rivendite alimentari. L’altro fronte è stato quello delle verifiche presso le attività commerciali, soprattutto supermercati, anche in questo caso adeguatamente indirizzati a una gestione corretta della raccolta differenziata. Qualche evidente e reiterata violazione delle norme sulla corretta gestione dei rifiuti è stata riscontrata invece presso qualche attività commerciale e di ristorazione nelle marine, nei confronti delle quali gli ispettori ambientali hanno proceduto ad elevare sanzioni amministrative per un totale di circa 1000 euro per violazioni delle ordinanze n. 393/2014 e n. 40/2019. Ora l’attenzione degli ispettori ambientali si sposterà sulle corrette modalità di differenziazione dei rifiuti delle residenze private, presso le quali preoccupa il largo utilizzo (che è vietato) dei sacchi neri per lo smaltimento dei rifiuti domestici. Gli ispettori ambientali hanno poi individuato diverse decine di discariche abusive di piccole dimensioni alla periferia della città (soprattutto in zona Boncore) e proceduto alla bonifica, sempre grazie all’intervento degli operatori del gestore del servizio rifiuti. 

Altri articoli di "Ambiente"
Ambiente
17/10/2019
Torna Quartieri Puliti - Curiamo insieme la città, ...
Ambiente
15/10/2019
 I controlli a Montesano Salentino hanno portato a ...
Ambiente
13/10/2019
L’iniziativa è partita dai “Cantieri ...
Ambiente
11/10/2019
Si terranno mercoledì 16 ottobre in Sala consiliare a Palazzo Carafa i due ...
La cultura del rispetto della salute, del mangiar sano, della sicurezza sul lavoro, della necessità delle ...
clicca qui