Pietre e sacchi di sabbia sul litorale, sequestrati 200 mq di spiaggia a Torre dell'Orso

martedì 10 settembre 2019
Controlli della Guardia Costiera sulla spiaggia di Torre dell'Orso a carico di un concessionario.   

Pietrame, conci di tufo e sacchi di sabbia sistemati sul litorale di Torre dell'Orso senza alcuna autorizzazione: gli uomini dell’Ufficio Circondariale Marittimo di Otranto e della Delegazione di Spiaggia di San Foca di Melendugno hanno sequestrato parte di una spiaggia in concessione nella mattinata odierna, a seguito delle previste attività di monitoraggio ambientale e demaniale.
Nello specifico il team di polizia marittima di Otranto ha accertato, per una lunghezza di circa 80 metri, la presenza di pietrame, conci di tufo e sacchi presumibilmente di tela sintetica contenenti sabbia. I sacchi ed i conci di tufo sono stati riscontrati in parte sommersi, in parte sul bagnasciuga, ed in parte coperti dalla sabbia asciutta. L’installazione, eseguita in difetto di qualsiasi tipo di autorizzazione e studio ambientale preliminare e finalizzato a mitigare i rischi da impatto ambientale su di un’area particolarmente sensibile essendo Sito di Interesse Comunitario, è stata realizzata dal concessionario al fine di stabilizzare la conformazione della spiaggia in concessione in deroga alle normative. Sono stati quindi sequestrati circa 200 mq di spiaggia ed è stato diffidato il Concessionario al ripristino della zona interessata.
Il titolare della concessione demaniale marittima è stato denunciato alla competente Procura della Repubblica presso il Tribunale di Lecce per Deturpamento di bellezze naturali, innovazioni non autorizzate su suolo demaniale marittimo ed opere eseguite in assenza di autorizzazione.

Altri articoli di "Cronaca"
Cronaca
23/10/2019
Il mezzo ha sfondato il guardrail ed è finito in una ...
Cronaca
23/10/2019
In azione i cani del nucleo cinofili di Modugno Marijuana ...
Cronaca
23/10/2019
La violenza si sarebbe consumata a Nardò nel luglio scorso.   Avrebbe ...
Cronaca
23/10/2019
Nuovi guai per un leccese, che si trovava sottoposto ...
I numeri sono confortanti: con le nuove tecnologie e con le nuove terapie guariscono di più i piccoli colpiti ...
clicca qui