Salif Keita: "Africa e Salento: stesse sonorità e vibrazioni"

venerdì 23 agosto 2019

L’artista che si esibirà domani al Concertone di Melpignano, a margine delle prove, ha parlato delle analogie tra Africa e Salento.

“Africa e Salento, sono due Paesi del Mediterraneo e questo aspetto è determinante per la comune origine di sonorità e vibrazioni. La nostra origine è legata alla terra, per cui abbiamo lo stesso modo di sentire la musica e percepire la cultura.”

Lo ha detto Salif Keita, l’ospite internazionale della 22/a edizione de La Notte della Taranta che salirà sul palco del Concertone finale di Melpignano insieme a Elisa, Guè Pequeno, Enzo Avitabile, Alessandro Quarta e Maurizio Colonna.

Keita, conosciuto come la voce d’oro dell’Africa questo pomeriggio ha provato al Centro Polivalente di Zollino i brani che proporrà il 24 agosto a Melpignano. Tra questi anche Yamore, rimodulato con alcuni versi scritti e interpretati dalla voce dell’Orchestra Popolare Stefania Morciano.

 

Altri articoli di "Notte della Taranta "
Notte della Taran..
12/09/2019
A settembre tre prestigiosi appuntamenti per l’Orchestra Popolare. Manera: ...
Notte della Taran..
26/08/2019
L'evento domani sera in piazza Garibaldi alle 21. Dopo ...
Notte della Taran..
24/08/2019
Simpatico siparietto nella conferenza stampa: Elisa ha ...
Notte della Taran..
23/08/2019
Presentato questa mattina il Concertone di Melpignano con ...
I numeri sono confortanti: con le nuove tecnologie e con le nuove terapie guariscono di più i piccoli colpiti ...
clicca qui