Comitiva di gay e trans insultata a Gallipoli: "Perchè non ve ne andate nei posti vostri?"

sabato 17 agosto 2019

L'episodio al lido Zen, i proprietari: "Condotta inqualificabile. Non intendiamo in alcun modo tollerare qualsivoglia forma di omofobia".

"Ma perchè voi froci e le vostre amiche trans non ve ne andate nei posti vostri": così un buttafuori del Lido Zen di Gallipoli avrebbe apostrofato un gruppo di ragazzi omosessuali. L'episodio è stato raccontato su Facebook da un ragazzo che insieme al suo compagno e ad alcune amiche trans di Milano si trovava in vacanza a Gallipoli in occasione del Salento Pride.

La comitiva si trovava sul privè del terrazzo del noto lido, quando una ragazza trans sarebbe stata aggredita da un addetto alla sicurezza del locale, a suo dire ripreso durante una diretta Facebook. La ragazza sarebbe stata quindi trascinata con forza all'esterno del locale. La comitiva, intervenuta a difesa della trans sarebbe stata anch'essa buttata fuori e apostrofata con espressioni omofobe.

Intanto la proprietà, la direzione e lo staff del Lido Zen fanno sapere di prendere fermamente le distanze dall'episodio. "Una condatta inqualificabile. Non intendiamo in alcun modo tollerare qualsivoglia forma di omofobia - si legge in un comunicato - Nulla potrebbe essere più lontano dal nostro modo di essere e pensare, abbiamo una lunga storia di amicizia e vicinanza alla comunità LGBT, con cui abbiamo da sempre condiviso la quotidianità. Chi ci conosce sa che per diversi anni abbiamo gestito un locale LGBT, luogo di armonica e felice convivenza, cosa che deve, a nostro modo di vedere, rappresentare la norma, ovunque.

Esprimiamo la nostra totale solidarietà verso le persone coinvolte nell’incidente, con il preciso invito a tornare da noi; sono e sempre saranno i benvenuti. Un abbraccio a tutta la comunità". 

Altri articoli di "Cronaca"
Cronaca
20/09/2019
Paura in mattinata a Lecce: è stato necessario ...
Cronaca
19/09/2019
Le indagini delle Fiamme Gialle di Maglie hanno scoperto ...
Cronaca
19/09/2019
Il locale sul lungomare della marina leccese esiste da ...
Cronaca
19/09/2019
Le due ragazze di origini slave, di cui una sedicenne, sono ...
Nella scuola di Torre Santa Susanna, in provincia di Brindisi, e nel teatro Apollo di Lecce è stato lanciato un ...
clicca qui