Crisi governo, agricoltori all'attacco: "A rischio tutti gli aiuti per il settore"

mercoledì 14 agosto 2019

Aiuti agli olivicoltori, crisi agrumicola e dei vivaisti, calamità: tutto rischia di essere sacrificato. Raffaele Carrabba, presidente Cia, conto la Lega: “Si dà priorità ai sondaggi e all’autonomia del Nord, la Puglia e l’agricoltura interessano a qualcuno?”.

“Mentre un ministro getta nel caos la politica italiana, l’agricoltura muore”. Sono parole dure e nette quelle di Raffaele Carrabba, presidente regionale di CIA Agricoltori Italiani della Puglia, sul momento del comparto primario in relazione alla nuova fase di incertezza aperta dalla crisi di governo. “Per qualcuno, evidentemente, i sondaggi sono più importanti del destino di migliaia di imprese agricole, lavoratori e famiglie che nel 2019, tra Xylella e calamità di ogni tipo, hanno vissuto finora una delle peggiori stagioni degli ultimi 10 anni. Che fine hanno fatto i 300 milioni che, dopo una lotta durissima da parte dei gilet arancioni, eravamo finalmente riusciti a ottenere per il contrasto alla Xylella, i reimpianti e gli aiuti alle imprese? Ecco, questa è una delle nostre priorità, non i sondaggi e tantomeno un’altra lunga campagna elettorale”, ha aggiunto Carrabba.

“A settembre, c’era una manovra economica da discutere e da concertare con le forze sociali e datoriali. Ora il calendario è stato azzerato. Abbiamo avanzato delle proposte precise. Il quadro normativo attuale non aiuta le imprese: non c’è nessun sostegno all’incontro tra domanda e offerta di lavoro stagionale; gli imprenditori agricoli non sono messi nelle condizioni di poter fare un ‘piano assunzioni’ basato sulle reali esigenze dei cicli colturali e sulla variabilità dell’andamento dei raccolti; il costo del lavoro è fra i più alti d’Europa, con un carico eccessivo di oneri fiscali. Ecco, ora, se tutto va bene, di questo si parlerà dopo le elezioni, in piena emergenza spread, con la spada di Damocle dell’aumento dell’Iva e delle possibili sanzioni da parte dell’Europa. Era necessario gettare nel caos il Paese? A chi giova questa situazione? Agli agricoltori della Puglia no di certo, ma il sospetto è che degli agricoltori e della Puglia importi davvero poco a chi ha azzerato tutto, forse sono ritenute più importanti le autonomie differenziate di Veneto e Lombardia”, ha detto il presidente regionale di CIA Puglia.    

 

Altri articoli di "Economia e lavoro"
Economia e lavoro
13/09/2019
Martedì conferenza stampa di presentazione della ...
Economia e lavoro
13/09/2019
"La popolarità anche internazionale di ...
Economia e lavoro
12/09/2019
Azzerata la produzione di olive Celline e Ogliaraola: oltre 100 frantoi chiudono i ...
Economia e lavoro
12/09/2019
Al tavolo SEPAC Regione, ASL e sindacati. Accordo trovato per il passaggio di categoria, ...
Il Ministero della Sanità, nel 2001, ha istituito un’importante fonte di informazione sanitaria, ...
clicca qui