Rimossi i relitti delle barche, la Guardia costiera libera le aree portuali

martedì 6 agosto 2019

L’intervento è avvenuto con l’aiuto di macchine operatrici del Comune di Gallipoli.

Si è conclusa l'operazione di bonifica di alcune aree portuali antistanti il “Castello angioino” e del “Seno del Canneto” della città di Gallipoli. Negli ultimi giorni, infatti, i militari della Capitaneria di porto di Gallipoli, dando continuità alle attività di controllo sul demanio marittimo, coadiuvati da personale specializzato e con l’aiuto di macchine operatrici del Comune di Gallipoli, hanno proceduto al recupero e alla rimozione di tutte quelle unità da diporto e piccola pesca, ormai da tempo, abbandonate sugli “scali d’alaggio”. Un’apposita ditta autorizzata ha poi provveduto allo smaltimento dei rottami. L’operazione è il frutto della sinergica e costante collaborazione tra la Capitaneria di porto ed il Comune di Gallipoli per consentire la libera e sicura fruizione delle aree portuali e di tutelare l'ambiente marino e costiero.

Altri articoli di "Società"
Società
21/01/2020
Il Pontefice sarà a Bari per l’incontro su “Mediterraneo, frontiera ...
Società
20/01/2020
Inaugurata in occasione delle festività natalizie, rimarrà attiva per altre ...
Società
20/01/2020
Il piccolo aveva espresso il desiderio di vedere un film con i suoi personaggi ...
Società
19/01/2020
Prove di sintesi tra le due realtà per una ...
Un’indagine svolta da IPSOS svela i numeri sui malati oncologici pugliesi: si guarisce di più, ma i casi ...
clicca qui