Pucce, rustici e non solo: Salento patria dello street food

venerdì 2 agosto 2019

Secondo i dati della Coldiretti, la Puglia registra una crescita del 18% nel settore, attestandosi al secondo posto in Italia: Lecce, con le 133 imprese attive, è leader su scala regionale.

Cibo di strada sempre più protagonista in Puglia e a Lecce. Stando, infatti, ai dati raccolti dalla Coldiretti, la Regione registra una crescita del +18,2% in cinque anni, attestandosi al secondo posto su scala nazionale, dietro solo alla Lombardia: il capoluogo salentino e la provincia, con le sue 133 imprese attive, invece, risultano sul podio più alto della scala regionale nello street food.

“La Puglia con 292 aziende è seconda solo alla Lombardia nella classifica nazionale delle regioni dove il cibo di strada sta riscuotendo maggior successo” - afferma Coldiretti analizzando i dati diffusi dalla Camera di Commercio di Milano, per cui quasi 1 azienda su 4 è gestita da donne (24,1%) e oltre 1 su 4 è giovane (26,3%).

"All'insegna del Made in Italy e del Km0, si sta imponendo lo street food contadino, riconosciuto formalmente dalla manovra finanziaria 2018 che ha dato il via libera al cibo di strada fatto dagli agricoltori che possono vendere direttamente i propri prodotti, pronti al consumo", commenta Savino Muraglia, presidente di Coldiretti Puglia.

"Il nostro agroalimentare è il più apprezzato, ma anche il più copiato al mondo e il cibo di strada proposto dalle imprese agricole – aggiunge il presidente Muraglia - è una storica opportunità per far conoscere le nostre produzioni autentiche che nascono da un territorio unico ed inimitabile. Quasi due consumatori su tre (65%) prediligono lo street food. Il cibo della tradizione locale è, peraltro, il preferito (81%) dai pugliesi e il 62% fa food shopping. Il cibo di strada contadino contribuisce a valorizzare l’identità culturale dei centri storici e dei centri rurali, è strategico per gli abitanti ma anche per i tanti turisti italiani e stranieri che quando arrivano nelle città si aspettano di mangiare prodotti della tradizione locale che sono la vera forza della vacanza Made in Italy, conquistata con la distintività, la biodiversità e il legame con il territorio”, conclude il presidente Muraglia.

Il cibo è certamente una infallibile leva di comunicazione anche verso i turisti nazionali ed internazionali – conclude Coldiretti Puglia – e il successo di una vacanza oggi dipende dal cibo (35%) che batte la visita a musei e mostre, (29 per cento), lo shopping (16 per cento), la ricerca di nuove amicizie (12 per cento), lo sport (6 per cento).

Altri articoli di "Salento a tavola"
Salento a tavola
14/10/2019
Avvisati tutti i salentini presenti nel capoluogo ...
Salento a tavola
11/10/2019
Finalmente sarà possibile mangiarlo senza troppi sensi di colpa: il pasticciotto ...
Salento a tavola
27/07/2019
Due serate di musica, divertimento e buon cibo a firma della Pro Loco Guagnano ’93. ...
Salento a tavola
09/07/2019
Dal 12 al 15 luglio la 28esima edizione della sagra che ...
La cultura del rispetto della salute, del mangiar sano, della sicurezza sul lavoro, della necessità delle ...
clicca qui