Rifiuti pericolosi nelle campagne, la fototrappola immortala lo sporcaccione

martedì 23 luglio 2019

È accaduto a Cutrofiano: denunciato l’autore dello sversamento illecito. Sequestrato anche il veicolo.

Un deposito abusivo di rifiuti nelle campagne intorno a Cutrofiano. È quanto scoperto nei giorni scorsi dalla Polizia municipale, nel corso di un controllo del territorio. Gli agenti hanno trovato pesticidi e olii minerali contenuti in taniche in plastica depositate illecitamente. L’allarme è scattato grazie alle fototrappole installate in una zona, distante alcuni chilometri dal centro urbano e perciò molto difficile da controllare, in particolare nelle ore serali e notturne. Il movimento sospetto non è sfuggito ai sensori che hanno registrato l’evento in tempo reale, inviando una mail con allegato il fotogramma dello sversamento illecito.

Sono subito scattati sopralluoghi e accertamenti, che hanno portato ad individuare il veicolo utilizzato che è stato sequestrato insieme ai rifiuti scaricati che sono stati recuperati da una ditta specializzata e sottoposti ad esame chimico per documentarne il grado di pericolosità per la salute, ed anche per evitarne la dispersione nel terreno circostante.

Per il proprietario del veicolo è scattata la denuncia a piede libero, per violazione del Testo Unico sull’Ambiente.

“Il controllo del territorio - ha commentato Mino Durante, comandante della Polizia locale di Cutrofiano – non può prescindere dalla tutela dell’ambiente. Le aree urbane, ma anche quelle rurali, devono rimanere una risorsa ambientale per la collettività e non essere considerate da alcuni, una comoda pattumiera”.

 

Altri articoli di "Cronaca"
Cronaca
22/08/2019
La donna si è tuffata dal costone, cadendo male in ...
Cronaca
22/08/2019
L’imprenditore accusa le istituzioni di aver respinto ...
Cronaca
22/08/2019
Un secondo episodio dopo quello accaduto a Gagliano del Capo: a Roca una 24enne rimasta ...
Cronaca
22/08/2019
L’allarme lanciato da Coldiretti Lecce, che parla dei ...
 In pieno agosto i pediatri stanno riscontrando in molti dei loro piccoli pazienti disturbi ...
clicca qui