Nuovo ospedale del Sud Salento, 350 posti su tre piani: i dettagli del progetto

giovedì 18 luglio 2019

Dopo l’assegnazione dello studio di fattibilità, si progetta il nuovo ospedale che dovrà essere innovativo sia sotto l’aspetto strutturale che impiantistico.

È stato assegnato il bando di gara dell’Asl di Lecce per lo studio di fattibilità tecnico-economica relativo alla realizzazione del nuovo ospedale del “Sud Salento”: ad aggiudicarselo lo studio MC A, insieme ad AICOM S.p.A., RINA Consulting S.p.A, GAe Engineering S.r.l. e al Dr. Enzo Rizzato.

Il nuovo nosocomio, che tante polemiche ha scatenato a livello politico, sorgerà tra Maglie e Melpignano, e dovrebbe essere progettato con criteri innovativi dal punto di vista strutturale ed impiantistico, con principi di flessibilità? e modularità, nel rispetto della normativa in materia di prevenzione (anti-incendio, anti-sismica, ecc.) e con uno sguardo all’innovazione tecnologica informatica e telematica.

Nel dettaglio, ci saranno 350 posti letto, di cui 317 per acuti e i restanti dedicati a Day Hospital/Day Surgery, distribuiti su 3 piani oltre seminterrato per una superficie coperta di circa 44mila metri quadri, 201 stanze di degenza (con uno o due posti e bagno interno), e un’area a parcheggio dedicata per circa 1200 posti auto.

Saranno ospitati tutti i reparti di un nosocomio di primo livello, un gruppo operatorio dotato di sei sale chirurgiche e tre sale parto travaglio. Presenti, inoltre, o disponibili in rete h24 i servizi di Radiologia, Laboratorio, Servizio Immunotrasfusionale.

Per le patologie complesse (traumi, cardiovascolari, ictus) previste forme di consultazione, di trasferimento delle immagini e protocolli concordati di trasferimento dei pazienti presso il Centro di II livello. La struttura sarà anche dotata di letti di “Osservazione Breve Intensiva” e di letti per la Terapia Subintensiva (anche a carattere multidisciplinare). 

Sarà possibile rimodulare le specialità?, sempre all'interno delle varie aree mediche e chirurgiche, con alcune ulteriori dotazioni senza posti letto. In tal modo si arricchirà l’offerta con la Medicina e Chirurgia d’accettazione e di urgenza (con letti tecnici di osservazione breve), Patologia clinica, Radiodiagnostica (Radiologia, Mammografia, TAC, Risonanza Magnetica, Angiografia, Ecografia), Farmacia ospedaliera, Emodialisi (per circa 32 posti rene) e Servizio di Medicina Emotrasfusionale.

Il cronoprogramma assegna 89 mesi per completare l’opera, compresi i 40 per la consegna del cantiere e i lavori veri e propri.

Altri articoli di "Sanità"
Sanità
14/10/2019
Il progetto nato nel 2011 coinvolge gli alunni delle scuole ...
Sanità
11/10/2019
 La denuncia del consigliere regionale pentastellato ...
Sanità
09/10/2019
In occasione della XI edizione della Gionata Mondiale della Salute Mentale il Centro ...
Sanità
02/10/2019
 Da venerdì 4 ottobre a sabato 5 manutenzione ...
Digrignare i denti fino a consumarli nel tempo, svegliarsi col mal di testa o con le gengive sanguinanti è una ...
clicca qui