Buon umore per curare i piccoli pazienti: pigiama party in Oncoematologia

giovedì 4 luglio 2019

Tutti in pigiama, pazienti, genitori, volontari e soci Leo e Lions per divertirsi insieme e regalarsi un pomeriggio di solidarietà. 

La “medicina” del buon umore per curare i bambini. Nell’Oncoematologia Pediatrica del Polo Oncologico i piccoli pazienti non hanno tempo per annoiarsi. Ieri pomeriggio, ad esempio, la sorpresa è arrivata con il primo “Pigiama Party” organizzato dal Leo Club Maglie in collaborazione con l’Associazione di volontariato “Per un sorriso in più” e il Lions Club Maglie.

Tutti in pigiama, pazienti, genitori, volontari e soci Leo e Lions per divertirsi insieme e regalarsi un pomeriggio di solidarietà. Un paio d’ore in cui sono stati distribuiti dei piccoli kit ad ogni bambino ricoverato, ci si è dedicati a giochi di società e body-painting, realizzando anche un cartellone con le impronte dei “piccoli eroi”. E alla fine, come in ogni pigiama party che si rispetti, ai bambini è stato offerto un buffet.

«L’idea del pigiama party – spiega Gianluca Vilei, coordinatore del tema operativo distrettuale “Arcobaleni di Speranza” del Distretto 108 AB Puglia  – è nata per far trascorrere ai bambini un pomeriggio all’insegna del divertimento, senza distinzione tra pazienti e visitatori, ma per colorare e giocare tutti insieme. Da alcuni anni il Lions e il Leo Club Maglie sono legati al reparto di Oncoematologia Pediatrica da un sentimento di solidarietà che ha animato nel corso del tempo varie iniziative: la raccolta fondi “Il Raccontolivo”, la donazione di giocattoli per le festività natalizie, la realizzazione di una giornata dedicata ai piccoli pazienti in Piazza Capece a Maglie dal titolo “Accendi d’oro, Accendi la speranza”».

L’obiettivo, sotto qualunque forma si presenti la solidarietà, è sempre lo stesso: aiutare i bambini ad affrontare la permanenza in Ospedale il più serenamente possibile. «Il buon umore – sottolinea Assunta Tornesello, direttore dell’Oncoematologia Pediatrica – il clima positivo e ambienti accoglienti sono i migliori alleati non solo dei bambini ma anche delle terapie. Entrare in una corsia d’ospedale è per i piccoli pazienti un evento che può sconvolgere la loro vita, per questo è sempre ben accetto tutto ciò che, al contrario, li coinvolge piacevolmente in attività ludiche e ricreative durante il percorso di cura».

Altri articoli di "Solidarietà"
Solidarietà
15/07/2019
A distanza di un anno dal malore il chitarrista dei ...
Solidarietà
12/07/2019
C’è necessità al centro trasfusionale di Casarano: il sindaco del ...
Solidarietà
11/07/2019
Chiusura del 5°anno del progetto del vino “democratico”: sale a 26.881 ...
Solidarietà
10/07/2019
Al via la seconda edizione del progetto dedicato alle persone con sclerosi multipla, su ...
Con il professor Mauro Minelli, fresco di nomina di responsabile per il SUD Italia della Fondazione di Medicina ...
clicca qui