Forniva esplosivo e nozioni tecniche ai clan: interdittiva antimafia per la ditta di fuochi

mercoledì 26 giugno 2019

Nella serata di ieri la notifica della misura all’amministratore unico, finito in carcere nell’operazione “Tornado”.

È stata notificata in queste ore dai carabinieri di Maglie un’interdittiva antimafia nei confronti di Donato Mega, amministratore unico della “Francesco Mega srl”, ditta di fuochi d’artificio con sede a Scorrano: il 37enne è uno degli arrestati nel maxi blitz dell’operazione “Tornando” con l’accusa di concorso esterno in associazione mafiosa.

La misura nei suoi confronti, accompagnata dalla revoca della licenza di deposito e vendita di esplosivi, è stata disposta dal prefetto di Lecce, Maria Teresa Cucinotta, a seguito delle risultanze investigative fornite nell’indagine coordinata dalla Direzione distrettuale antimafia: nella serata di ieri, la misura è stata notificata all’uomo nel carcere di Lecce.

Mega avrà anche l’obbligo di cedere tutto il materiale esplodente detenuto a una terza persona munita di apposita autorizzazione. La vendita del materiale esplodente gli era stata rinnovata nel 2017, dalla prefettura, ma il blitz ha portato a ritenere l’uomo vicino al clan locale.

In particolare, il 37enne avrebbe contribuito a fornire il materiale per i numerosi attentati dinamitardi, oltre a consegnare i petardi per costruire le bombe denominate “Tornado” (da cui prende nome l’operazione dei militari), e a prodigarsi nella didattica, spiegando ai componenti del clan come produrre ordigni rudimentali e pericolosi.

 

Altri articoli di "Lecce"
Lecce
16/07/2019
Attività di sensibilizzazione del Coordinamento ...
Lecce
16/07/2019
Arrivano gli auguri del mondo universitario e delle istituzioni per il successo ottenuto. ...
Lecce
16/07/2019
L’ex assessore, insieme ai rappresentanti di Sentire ...
Lecce
16/07/2019
Con il professor Mauro Minelli, fresco di nomina di responsabile per il SUD Italia della ...
Con il professor Mauro Minelli, fresco di nomina di responsabile per il SUD Italia della Fondazione di Medicina ...
clicca qui