Fernanda Cosi è la nuova segretaria generale dello Spi Lecce

martedì 25 giugno 2019

Completata oggi la segreteria provinciale con l’ingresso di Gioacchino Marsano: Cosi succede a Ninì De Prezzo, storico sindacalista da oltre 40 anni nella Cgil.

Fernanda Cosi è la nuova Segretaria generale dello Spi Cgil Lecce. L’Assemblea generale provinciale del Sindacato Pensionati Italiani l’ha eletta oggi, alla presenza del Segretario generale regionale, Gianni Forte, e della Segretaria generale della Cgil Lecce, Valentina Fragassi. Completata anche la segreteria provinciale. Affiancherà Fernanda Cosi, oltre al confermato Abramo Toma, anche Gioacchino Marsano (fino a dicembre direttore del Patronato Inca), che prende il posto di Antonella Cazzato, recentemente eletta segretaria regionale dello Spi e ieri presente al passaggio di consegne.

Classe ’54, Fernanda Cosi nasce a Gagliano del Capo, dove a 21 anni diventa segretaria della locale sezione del Pci. Qui inizia il suo impegno politico, sociale e sindacale in difesa dei più deboli e per il riscatto delle lavoratrici e dei lavoratori. Segretaria organizzativa dello Spi dal 2011, nel 2013 è eletta responsabile regionale del Coordinamento Donne dello Spi. Attualmente è presidente del Comitato direttivo e dell’Assemblea generale dello Spi Puglia. Dal 25 giugno è segretaria generale dello Spi Lecce.

Nella sua dichiarazione programmatica, la nuova Segretaria generale ha rinnovato l’impegno “a rafforzare il radicamento del sindacato sul territorio, a partire dai valori della Cgil: autonomia, antifascismo, democrazia, libertà, tutela della Costituzione, Europa, integrazione, accoglienza, solidarietà tra lavoratori e fra cittadini, pari opportunità. Continueremo l’attività del sindacato di strada per stare sempre più vicini ai pensionati e agli anziani; lavoreremo per rendere sempre più accessibile il sistema sanitario ai cittadini più deboli, oltre che per valorizzare l’invecchiamento attivo. Forte sarà l’impegno per l’affermazione dei diritti delle donne, per la tutela della Costituzione, per coltivare la memoria storica. Lavoreremo sempre per fare più grande la nostra categoria e per fare grande la Cgil”.

Il Segretario generale dello Spi Puglia, Gianni Forte, ringrazia “Ninì De Prezzo per il suo impegno nello Spi, per il lavoro che ha fatto e per i risultati raggiunti dal punto di vista organizzativo e della capacità di promuovere tante iniziative. Siamo convinti che la nuova segretaria generale saprà raccogliere questo patrimonio e fare in modo che lo Spi e la Cgil possano crescere sempre di più e rispondere ai bisogni degli anziani”.

Valentina Fragassi saluta e ringrazia De Prezzo (“un pezzo importante della storia della Cgil) e fa gli auguri di buon lavoro alla nuova Segretaria generale ed alla nuova segreteria provinciale: “Lo Spi rappresenta un punto di riferimento per la Cgil. C’è molto lavoro da fare: una parte del lavoro è stata ben impostata durante il mandato di Ninì, con un lavoro capillare di vicinanza ai cittadini, con il sindacato di strada svolto davanti agli uffici postali e nei quartieri più poveri della città. È un modello da esportare in altre categorie ed anche in altri centri periferici”.

Ninì De Prezzo è stato il Segretario generale del Sindacato Pensionati Italiani della Cgil Lecce dal dicembre 2011. Originario di Galatina, fu eletto a 63 anni. Poco più che ventenne era già responsabile sindacale del Comprensorio di Galatina. Tra i vari incarichi ricoperti: presidente del Comitato Provinciale dell’Inps, segretario organizzativo dello Spi-Cgil Lecce, segretario provinciale dei Tessili per la Cgil, segretario provinciale della Fp-Cgil. Ha iniziato l’attività come responsabile di Zona di Galatina e poi come collaboratore nella Cgil Scuola. Negli anni Ottanta è stato dirigente sindacale del comprensorio di Casarano. “La nuova segreteria saprà lavorare bene; sono certo che la nuova segreteria darà continuità al lavoro svolto in questi anni”, dice. “Ho perseguito l’obiettivo di allargare la presenza organizzata del sindacato nei territori e di essere vicino ai cittadini ed ai pensionati attraverso varie iniziative su sanità, previdenza, invecchiamento attivo, tutela dei diritti e incremento delle pensioni più basse. Nell’ultimo periodo lo Spi di Lecce è stato impegnato periodicamente nelle piazze di diversi comuni della provincia con il suo ufficio mobile, con diverse iniziative legate al Carosello, lo spettacolo itinerante dello Spi Puglia, con il sindacato di strada e con l’iniziativa ‘Diritti in piazza’ attraverso la quale abbiamo verificato le pensioni e fatto conoscere da vicino il sindacato ai tanti cittadini che non conoscono a pieno servizi e strutture che offriamo sul territorio”.

    
Altri articoli di "Economia e lavoro"
Economia e lavoro
19/11/2019
Un fulmine a ciel sereno per i dipendenti del punto vendita ...
Economia e lavoro
19/11/2019
Giovedì incontro tra azienda e sindacati, contemporaneamente sit-in davanti ai ...
Economia e lavoro
19/11/2019
La protesta dei dipendenti della Muccio srl sostenuta dalla ...
Economia e lavoro
18/11/2019
I sindacati dichiarano il piano industriale ...
La MCS è una patologia rara, oscura e difficile da diagnosticare. Fino a qualche anno fa veniva curata in un ...
clicca qui