Spaccio di cocaina tra Lecce e Surbo: in tre finiscono in manette

giovedì 20 giugno 2019

Arrestati due fratelli leccesi, sorpresi in possesso di droga e armi da guerra, e un 47enne di Surbo, sorpreso con oltre 3mila euro provento dell'attività di spaccio.

Spaccio di cocaina tra Lecce e Surbo, e possesso di armi da guerra. Tre persone sono finite in manette in due diverse operazioni dei carabinieri finalizzate al contrasto allo spaccio di stupefacenti. Nel primo caso sono stati arrestati due fratelli leccesi, David e Maicol Murciano, rispettivamente 28 anni e 34 anni, raggiunti dagli agenti presso la loro abitazione: durante la perquisizione, i carabinieri hanno rinvenuto e sequestrato 24,55 grammi di cocaina e 9 cartucce da guerra di vario genere. Per David Murciano si sono aperte le porte del carcere di Lecce, mentre il fratello è stato sottoposto al regime dei domiciliari.

In una secoda operazione è finito in manette Domenico Vitale, 47enne di Surbo, trovato in possesso di 4 grammi di cocaina, 2,5 grammi di mannite e di quasi 3400 euro, ritenuti verosimilmente provento dell'attività di spaccio. L'uomo è stato sottoposto al regime dei domiciliari. 

Altri articoli di "Cronaca"
Cronaca
21/07/2019
L’uomo è stato trasferito in ospedale al ...
Cronaca
21/07/2019
Le scritte offensive contro l’ex sindaco Fitto e due ...
Cronaca
21/07/2019
I carabinieri hanno ispezionato in particolare il ...
Cronaca
21/07/2019
Accade a Cisternino, dove un 41enne del luogo, indagato per ...
“Il tuo cellulare è intelligente. Usalo con intelligenza”. È lo slogan della campagna ...
clicca qui