Il pirodiserbo, sbarca nel Salento l'alternativa agli erbicidi

giovedì 13 giugno 2019

Una soluzione per contadini ed enti pubblici, che verrà presentata al Mercato del giusto di Melpignano.  

Sbarca nel Salento il pirodiserbo, il metodo innovativo e biologico di controllo delle infestanti nella cura del verde pubblico e nelle aziende agricole, vera alternativa agli erbicidi dannosi. La presentazione durante l’appuntamento “Al Mercato del Giusto”, con mercato contadino, laboratori per bambini e l’omaggio a Lucio Dalla.

In altre parti d’Italia, il futuro nella gestione del verde urbano e del diserbo nelle aziende agricole è già iniziato da un pezzo. E si chiama “pirodiserbo”: niente chimica, impatti ambientali e sanitari pari a zero, costi sostenibili. Per la prima volta, questa pratica è pronta a sbarcare nel Salento grazie all’impegno del Comune di Melpignano, che assieme ai medici Isde la presenterà al pubblico nel tardo pomeriggio di venerdì 14 giugno, in piazza San Giorgio, nell’ambito della rassegna “Al Mercato del Giusto- Dalla terra per la terra”.

Una novità importante: il pirodiserbo è un mezzo di controllo delle infestanti e agisce mediante una fiamma libera ad alto potere termico, generata da appositi bruciatori alimentati a gas propano. Il meccanismo è quello dello “choc termico”, ossia della “lessatura” dei tessuti vegetali sottoposti ad alta temperatura (circa 1400C°) per pochi decimi di secondo. È considerata la tecnica ideale laddove non si vuole o non si può usare il tradizionale erbicida chimico, soprattutto dopo l’entrata in vigore del PAN (Piano d’azione nazionale per l’uso sostenibile dei prodotti fitosanitari). È contemplata dalla normativa come tecnica alternativa consigliata, l’antitesi rispetto all’uso del Glyphosate in aree urbane e rurali. Ha il grande merito di non disperdere sostanze potenzialmente tossiche nell’ambiente e di non lasciare residui sul terreno e sulle piante. Ha il vantaggio, poi, di essere economica: i costi si aggirano intorno a 0,65 euro al metro quadrato e interventi frequenti e rapidi consentono di ridurre nel tempo la presenza delle erbe infestanti. Il suo impiego non è sottoposto a nessuna limitazione normativa né meteorologica e non è previsto nessun patentino né corso specifico per l’utilizzo. In diverse città del nord Italia, il pirodiserbo è già efficacemente utilizzato per manutenere strade, marciapiedi, piste ciclabili, giardini pubblici, mura cittadine, piazze, scuole, ma anche nelle aree archeologiche e nei cimiteri. Ora, è la volta del Salento.

«Questo incontro – dice Valentina Avantaggiato, vicesindaca con delega all’Ambiente e all’Agricoltura del Comune di Melpignano – serve per riflettere insieme su quanto l'abuso di pesticidi, in campo agricolo e non solo, sia stato dannoso per la salute del nostro territorio. I dati epidemiologici, ormai sotto gli occhi di tutti, disegnano una provincia martoriata, che continua a mietere vittime. Serve invertire la rotta, dotarsi di strumenti alternativi, come appunto il pirodiserbo, per prendersi cura di noi rimettendo in buona salute l'ecosistema in cui viviamo. Il futuro di questo mondo è oggi». Su questo tema Melpignano è già impegnato da tempo: da due anni, infatti, il Comune è affidatario di Geo, l’asino di Martina Franca impiegato come tosaerba naturale, esperimento pioniere nel Salento.

L’evento: dialoghi, laboratori per bambini, mercato agricolo, omaggio a Dalla

“Pirodiserbo: lotta sostenibile alle malerbe, basta chimica!” è il titolo del dialogo che sarà avviato alle 19.30, in piazza San Giorgio, assieme a Carlo De Michele, medico di Isde- associazione dei Medici per l’Ambiente, e a Nicola Grittani, rappresentante di Maito, azienda di Arezzo leader in Italia nell’impiego di questo metodo.

Il confronto sarà preceduto, a partire dalle 18.30, dall’apertura del mercato contadino e dal laboratorio per bambini “Kamishibai- racconti in valigia, teatro e realizzazione di tavole illustrate”. Alla stessa ora, si avrà anche “Facce da Minestrone”, laboratorio teatrale sull'educazione alimentare a cura di Fabio Zullino, Francesca Netto e Federica Guerrieri, un progetto nato nell’ambito della Mensa etica a km0 promossa nella locale scuola dell’infanzia dal Comune di Melpignano e dalla cooperativa Nuova Era. Lo scopo delle attività di gioco è quello di orientare i bambini verso delle abitudini alimentari più sane ma sarà anche lo sfondo di una esperienza cognitiva più grande, che permetterà di fare scoperte motivanti anche sulla convivenza delle diversità, sulla visione che il nostro «star bene» è legato anche allo «star bene» degli altri.

Dopo i dialoghi sul pirodiserbo, infine, alle 21 si terrà “Il Principe di Piazza Grande”, omaggio a Lucio Dalla, con interpretazioni e arrangiamenti originali delle più celebri canzoni del cantautore bolognese rielaborate attingendo da differenti linguaggi musicali. Il concerto vede impegnati Cristiana Verardo (voce), Daniele Vitali (pianoforte e voce), Danilo Cacciatore (tastiere), Antonio De Donno (batteria).

Altri articoli di "Ambiente"
Ambiente
20/09/2019
Incontro ieri sera nella sede della Federazione provinciale con la riunione promossa dai ...
Ambiente
20/09/2019
Dopo la campagna "Stop-plastica" condotta ...
Ambiente
19/09/2019
Interventi e sanzioni per rifiuti domestici, area ...
Ambiente
18/09/2019
I dati del report presentato ieri al Senato: in provincia ...
 Stress ambientali, malattie infiammatorie da alimenti, consumo eccessivo di zuccheri raffinati, alimenti ...
clicca qui