Al Fondo Verri: "Tutto è Uno", vernissage di Irina Kerimova

lunedì 27 maggio 2019

Il 3 Giugno, ore 19.30, Fondo Verri a Lecce in mostra “Tutto è Uno” di Irina Kerimova. Dialogo con Ester M. V. Annunziata Architetto e docente dell’Accademia di Belle Arti. Intervento musicale con il sassofonista Roberto Gagliardi. Degustazione di tartufo estivo nero Scorzone di Basilicata a cura di Iside Tartufi. 

Continua a Lecce l’International Art_Project che da aprile fino ad agosto, vede in movimento, sulla linea Mosca, Lecce, Tursi, l’artista lucana Filomena D’Ambrosio e l’artista russa Irina Kerimova. Sei mostre personali, tre per artista, in tre città differenti. L’avvio del progetto, lo scorso 3 aprile, nella metropoli moscovita con due mostre personali: “Equilibrio” di Filomena D’Ambrosio e “Tutto è Uno” di Irina Kerimova.

La mostra di Irina Kerimova  chiude la tappa a Lecce, negli spazi del Fondo Verri per poi dirigersi  in Basilicata, negli spazi del Museo Diocesano di Tursi nella provincia di Matera

Scrive Ester M. V. Annunziata: “Due donne, due artiste che si incontrano per caso nel 2015 per esporre le loro opere ad una mostra in Puglia. L’una, Filomena, lucana di Tursi, vive e lavora a Lecce, dove si diploma all’Accademia di Belle Arti, artista di professione, viaggia spesso alla ricerca di stimoli e confronti; l’altra, Irina, russa di Mosca, architetto e designer, è anche psicologa e, ad un certo punto della sua vita, decide di dedicarsi alla pittura e all’arte.

Apparentemente lontane, insieme trovano subito punti in comune, perché le distanze si azzerano quando si parla di “universo femminile”. Un linguaggio senza limiti e confini che permette loro, sin da subito, pur non parlando la stessa lingua, di entrare in sintonia.

Tursi e Mosca: così lontane, così diverse. La prima, una cittadina della provincia lucana; la seconda, capitale di una super potenza mondiale. Dunque: nulla che le avvicini! E invece, questa distanza si dissolve di fronte alla comunanza di pensiero verso le proprie radici. Sentono entrambe un forte legame con la propria terra, con la storia e le più antiche tradizioni dei luoghi natii e un forte senso di responsabilità in quanto artiste immerse e coinvolte nelle dinamiche della società contemporanea.

Quello che emerge dai lavori di entrambe è un senso di consapevole e vigorosa pacatezza d’animo che viene trasmessa a chi le guarda. Una quiete vigile che nasce da un percorso fatto di energie, debolezze ed emozioni, alla ricerca di un equilibrio interiore condiviso. Irina crea le sue opere attraverso un atto di purificazione. Così come facevano i primi maestri bizantini, che dipingevano le icone solo dopo aver fatto digiuno e preghiera, convinti che fosse Dio stesso a dipingere per mezzo della loro mano, Irina dipinge solo dopo un periodo di meditazione e di ricerca nel suo subconscio. Per Irina, il potere dell’artista è nella capacità di suscitare emozioni in chi guarda un’opera d’arte. Questo è un dono ma, nel contempo, una grande responsabilità; per questa ragione è importante che il messaggio dell’artista sia positivo e non, invece, tale da suscitare dolore, anche se da questo generato.

Figure senza contorno, a volte sfocate, dipinte ad olio su tela. Tratti essenziali, apparentemente grezzi, nei quali si intravede la struttura geometrica di rapporti fatti di simmetrie e asimmetrie. La dimensione estetica si perde completamente a favore della sensazione che l’immagine produce nell’osservatore e dunque, come nelle icone russe, un albero innevato, una donna con un bambino, un angelo, hanno per Irina un unico obiettivo: stimolare l’osservatore a ricercare dentro di sé la propria spiritualità.

Fondo Verri, Via Santa Maria del Paradiso 8, Lecce

 

 

               

Altri articoli di "Arte e archeologia"
Arte e archeologi..
07/08/2019
La sepoltura, risalente con ogni probabilità ...
Arte e archeologi..
31/07/2019
Giuseppe Colì di Cutrofiano, si è aggiudicato il primo premio. Un ...
Arte e archeologi..
14/07/2019
Il Comune di Lecce ha comunicato che sito sarà ...
Arte e archeologi..
12/07/2019
Un intervento, condiviso da Comune e Soprintendenza, con la delimitazione dell’area ...
Il bambino con disturbi dello spettro autistico non comunica, non guarda negli occhi: dà tutta una serie di ...
clicca qui