"Il lavoro rende liberi", gaffe sul manifesto del Comune in occasione del 1°maggio

venerdì 3 maggio 2019

L'amministrazione si scusa: "Ci siamo ispirati alla Costituzione". 

"Il lavoro rende liberi": una frase "neutra"in italiano ma che ricorda troppo il beffardo motto nazista all'ingresso del campo di concentramento di Auschwitz. E così in tanti hanno storto il naso quando è comparsa sul alcuni manifesti fatti affiggere dall'amministrazione di Martina Franca in occasione della Festa dei Lavoratori. Dopo le polemiche il Comune giustifica la sua scelta e fa sapere di averli già rimossi. 

"L’Amministrazione comunale di Martina Franca ha voluto nei giorni scorsi affiggere alcuni manifesti in occasione della Festa dei Lavoratori, celebrata nella giornata del 1° maggio.
Nelle locandine è stato richiamato l’art. 36 della Costituzione italiana, considerato di massima importanza per quanto concerne la disciplina del lavoro in Italia e la tutela dei diritti del lavoratore - si legge nella nota- si scusa per aver scelto di scrivere “Il lavoro rende liberi”, non volendo in alcun modo fare riferimento al motto, in lingua tedesca, posto all’ingresso del campo di concentramento nazista di Auschwitz durante la seconda guerra mondiale. I manifesti, in tutto una decina, sono stati rimossi.

La foto è di Noinotizie.it

Altri articoli di "Curiosità"
Curiosità
20/09/2019
Con quasi 434mila hashtag, è Otranto il borgo Italiano più cliccato di ...
Curiosità
19/09/2019
Sono trascorsi 25 anni dalla visita di Papa Giovanni Paolo II a Lecce. Il 17 e 18 ...
Curiosità
16/09/2019
Le schedine sono state giocate al punto vendita ...
Curiosità
15/09/2019
Un'accoglienza calorosa e festosa quella che ha circondato ...
 Stress ambientali, malattie infiammatorie da alimenti, consumo eccessivo di zuccheri raffinati, alimenti ...
clicca qui