Allontanare i piccioni, con la ditta Colaci si può: ecco la rete invisibile

mercoledì 1 maggio 2019

"La rete impedisce l’ingresso dei volatili in particolari aree - dichiara Emilio Colaci, titolare della ditta impegnata nel restauro della statua di Sant'Oronzo -  La sua speciale composizione in polietilene la protegge contro i raggi UV, e le maglie annodate le conferiscono un'ottima resistenza meccanica".

Piccioni, piccioni ovunque: sui capitelli, sui cornicioni, nei pozzi luce e sui balconi. Con l'arrivo della bella stagione i nostri amici pennuti riprendono a popolare le piazze ed anche le nostre case. Ma come difendersi dall'ennesima ondata di volatili pronti ad imbrattare qualsiasi cosa che capiti a tiro?

Ce lo spiega Emilio Colaci, titolare dell'azienda attualmente impegnata nel restauro della statua di Sant'Oronzo a Lecce: un'azienda che offre un servizio a 360° mettendo a punto una serie di tecnologie di complemento al mondo dell'arte come i sistemi di allontanamento volatili.

“Un buon sistema per difenderci dai volatili è la rete anti piccione. E' una rete invisibile, disponibile in ogni forma e dimensione, che si utilizza per impedire l’ingresso dei volatili in particolari aree.  La sua speciale composizione in polietilene la protegge contro i raggi UV, e le maglie annodate le conferiscono un'ottima resistenza meccanica. Grazie a queste caratteristiche è un prodotto duraturo nel tempo. Viene applicata per mezzo di appositi accessori a protezione di varchi, finestre, rosoni, chiostri, pozzi luce ed ogni tipo di ingresso che consente l'insediamento di piccioni in una determinata zona.” 

Altri articoli di "Redazionali"
Redazionali
21/05/2019
Con la conclusione della regular season, per quanto ...
Redazionali
21/05/2019
Nuovo incontro alla Biblioteca di cortile e di campagna, ...
Redazionali
15/05/2019
Sempre più spesso abbiamo la necessità di ...
Redazionali
30/04/2019
Oggi, 30 aprile, a Caprarica con la presentazione del libro ...
Il 26 maggio sarà la “Giornata del sollievo”: un’occasione utilissima per approfondire ...
clicca qui