Testimone di Geova leccese operato al cuore: 11 ore sotto i ferri ma senza trasfusioni

giovedì 25 aprile 2019
L'operazione è stata eseguita a Padova su un 67enne in gravi condizioni.

Un intervento durato 11 ore e soprattutto eseguito senza trasfusione di sangue così come espressamente richiesto dal paziente: un 67enne leccese testimone di Geova, operato nei giorni scorsi presso l’Azienda ospedaliera di Padova. La vicenda è stata resa nota dalla congregazione religiosa. L'uomo è finito sotto i ferri in condizioni di salute critiche: presentava uno scompenso cardiaco associato a un ascesso, una lesione pseudoaneurismatica con flusso in cavita’, aderenze allo sterno posteriore e una preoccupante anemia. La possibilità di sopravvivenza stimata era del 15% ma, per fortuna, è andato tutto bene e il 67enne può ritornare a casa a Lecce. L'intervento è stato eseguito dall'equipe di medici guidata dal professor Gino Gerosa.

In una lettera di ringraziamento a tutta la squadra di cardiochirurgia dell’ospedale di Padova, V.L.S. ricorda: “La mia paura più grande non era quella di morire durante o dopo l’intervento, ma di essere definito inoperabile, con l’unica soluzione di tornare a casa ad aspettare di morire senza tentare nulla”.

Non e’ la prima volta che un intervento chirurgico cosi’ complesso sia stato effettuato senza sangue: sono ormai moltissimi gli interventi bloodless senza i rischi correlati con le trasfusioni di sangue, in ossequio delle direttive del Ministero della Salute che dal 2015 ha recepito le linee guida dell’Organizzazione Mondiale della Sanita’ sul Patient Blood Management, che prevedono la diminuzione o possibilmente l’eliminazione dell’impiego di emocomponenti in tutti gli ospedali italiani.

Altri articoli di "Cronaca"
Cronaca
23/05/2019
In una conferenza stampa illustrate le novità del ...
Cronaca
23/05/2019
Il rogo intorno alle 2 in pieno centro abitato. Probabile ...
Cronaca
23/05/2019
Nuovo colpo di scena nell’intricata stagione della ...
Cronaca
23/05/2019
In entrabi i casi i malcapitati hanno riportato solo lievi ferite.   Due ...
Un paziente già operato, se prenota a marzo, nel pubblico deve attendere fino a luglio: eppure la risonanza ...
clicca qui