Illuminazione votiva, pace fatta tra Comune e ditta. Siciliano: "Scelta schizofrenica"

venerdì 19 aprile 2019

Salva la riduzione del canone da 24 a 13 euro e l’impianto elettrico sarà adeguato. Il sindaco Pippi Mellone: “Hanno vinto i cittadini: ora c’è chiarezza, risparmio e sicurezza”. Ma Siciliano (Pd) evidenzia l’ennesima “capriola” del sindaco.

Si conclude in maniera positiva la disputa tra la ditta Borgia e il Comune di Nardò. A seguito della transazione avvenuta il 9 aprile scorso e sottoscritta dal sindaco Pippi Mellone, dal dirigente dell’Area Funzionale n. 1 Cosimo Pellegrino, dal titolare della ditta Giovanni Maria Borgia e dagli avvocati delle parti, Giovanni Pellegrino (per la ditta Borgia) e Paolo Gaballo (per il Comune di Nardò), si pone la parola fine su una vicenda importante, che consente all’amministrazione comunale di mettere finalmente ordine sul fronte della illuminazione votiva del cimitero. La transazione è stata ratificata ieri sera dalla Giunta.

In sostanza, la ditta Borgia tornerà ad occuparsi dei servizi elettrici all’interno del cimitero fino alla scadenza naturale della vecchia convenzione, fissata al 18 luglio 2021. In vista di questa scadenza l’amministrazione comunale stilerà un bando di gara per l’individuazione di un nuovo gestore, che darà continuità ai servizi. L’accordo contiene numerosi vantaggi per l’ente e per i cittadini: il canone annuale rimarrà ancorato a 13 euro (e non più 24 come previsto in passato); l’impianto verrà adeguato e reso conforme alle normative vigenti, colmando le lacune riscontrate dai tecnici; il Comune gestirà direttamente gli introiti relativi alle circa 10 mila utenze, puntando ad incassare almeno 130 mila euro l’anno, 84 mila dei quali verranno riversati alla ditta Borgia per i servizi concordati.

Si risolve anche il gravoso problema dell’inadeguatezza dell’impianto, che aveva costretto l’amministrazione comunale (a fronte delle carenze riscontrate) a risolvere il contratto con la ditta Borgia, al fine di garantire la sicurezza degli utenti. Oltre agli interventi già eseguiti dall’ente nel corso degli ultimi mesi, verranno effettuati ulteriori e importanti adeguamenti, per ben 90 mila euro, secondo il progetto redatto da Giuseppe Cafaro, docente di Sicurezza e Normativa nel settore elettrico presso il Politecnico di Bari. I lavori saranno a carico del Comune, mentre il progetto è stato pagato dalla stessa ditta Borgia. Tutti gli impianti rimarranno di esclusiva proprietà dei cittadini di Nardò, una prospettiva di chiarezza visto che negli anni c’è sempre stata incertezza su questo punto. Ora, con la sottoscrizione dell’accordo, la ditta Borgia (a cui veniva riconosciuta dalla convenzione del 1991 una serie di introiti in ragione dei lavori che aveva realizzato negli anni) ha dichiarato di “non aver nulla a pretendere a qualsiasi titolo, ragione o causa” dal Comune di Nardò.

“Abbiamo dimostrato di non avere nessuna preclusione per la ditta Borgia - spiega il sindaco Pippi Mellone - mentre confermiamo quella che è la stella polare di questa amministrazione: lavorare nell’interesse dei cittadini. Per anni abbiamo ascoltato i proclami di un centrodestra che a parole si schierava contro i monopoli ma nei fatti lavorava per difendere le posizioni di potere dei più ricchi, dai Berlusconi fino all’ultimo dei monopolisti. Per anni abbiamo subito il vociare fastidioso e persistente di una sinistra che chiacchierava di attenzione per gli ultimi ma che nei fatti metteva sgambetti alle persone più povere, come è avvenuto per questo canone di illuminazione votiva che ho considerato sempre troppo esoso e che, com’è noto, pesa maggiormente su anziani, persone sole e meno abbienti. Anche in questo caso abbiamo dato loro una bella lezione! Abbiamo messo fine a un monopolio che durava da 70 anni, riconsegnando ai cittadini ciò che è loro di diritto. Con questo accordo tra le parti, che annulla ogni procedimento giudiziario in corso, mettiamo la parola fine a questa lunga storia. Chiaramente ora in molti dovranno mettersi l’anima in pace: con me l’amministrazione comunale lavora nell’esclusivo interesse dei cittadini. Quindi, fatta questa, siamo pronti per le prossime lezioni: ridaremo ai neretini tutto ciò che la vecchia politica ha negato per anni”.

Di diverso avviso, Lorenzo Siciliano, consigliere comunale del Pd, che afferma: “Dopo fior di incarichi legali esterni costati ai neretini decine di migliaia di euro, dopo una battaglia giudiziaria con ben tre cause dinanzi ai Giudici, prima del Tar e poi del Consiglio di Stato, dopo aver urlato a petto in fuori e con gli occhi pieni di rabbia, nel corso di un comizio: ‘Viaa! Devi andare via!’ al titolare della tanto odiata ditta Borgia, il sindaco Mellone, oggi, ribalta la sua posizione, come al solito, e, con il capo chino, firma l’accordo per il ‘ritorno in servizio’ della Borgia. Ancora una volta siamo di fronte ad uno sperpero di denaro pubblico che è figlio dei capricci e della schizofrenia politica del sindaco più chiacchierone che la Città ricordi. Quella stessa Città che vuole liberarsi al più presto da questa imbarazzante pantomima che sta ridicolizzando l’immagine di Nardò e tartassando fiscalmente la nostra comunità”.

 

 

Altri articoli di "Politica"
Politica
20/08/2019
Il consigliere regionale pentastellato chiede che la ...
Politica
19/08/2019
Oggi, a Palazzo dei Celestini, i sindaci hanno espresso il ...
Politica
18/08/2019
Il consigliere regionale del M5S torna a chiedere ...
Politica
15/08/2019
Polemica politica a Maglie dopo la decisione di chiudere la ...
Il bambino con disturbi dello spettro autistico non comunica, non guarda negli occhi: dà tutta una serie di ...
clicca qui