Maltempo, grandinata e lastre di ghiaccio nel Salento, Coldiretti: "Effetti disastrosi"

domenica 14 aprile 2019

Coldiretti sottolinea come da marzo a novembre 2018 siano stati 11 i tornado e le trombe d’aria registrati sul territorio regionale.

“Ennesima violenta grandinata in provincia di Lecce con campi e strade praticamente imbiancati con pericolose lastre di ghiaccio che hanno reso impraticabili i percorsi nelle aree rurali”: è la denuncia di Coldiretti Puglia, che sottolinea quanto avvenuto nelle ultime ore, tra Lecce e Brindisi.

“È stata interrotta la ‘finta primavera’ – commenta Gianni Cantele, presidente di Coldiretti Lecce -, lasciando spazio a eventi estremi, con effetti disastrosi sui campi, a causa della tropicalizzazione del clima che azzera in pochi attimi gli sforzi degli agricoltori che perdono produzione e al contempo subiscono l’aumento dei costi a causa delle necessarie risemine, ulteriori lavorazioni, acquisto di piantine e sementi e utilizzo aggiuntivo di macchinari e carburante. Gli imprenditori si trovano ad affrontare fenomeni controversi, dove in poche ore si alternano eccezionali ondate di maltempo a siccità perdurante”.

Da marzo a novembre del 2018 sono stati 11 i tornado e le trombe d’aria che si sono abbattuti sulla Puglia – segnala Coldiretti – a marzo a Lecce, ad aprile a Lequile, a giugno a Santo Spirito di Bari e a San Foca, a settembre a Salice Salentino, a novembre a Taurisano, Martina, Manduria e in provincia di Brindisi e a Parabita, secondo i dati ESWD, l’anagrafe europea degli eventi meteo estremi come tornado, bombe d’acqua, trombe d’aria, tempeste di fulmini.

“A nulla vale più la programmazione degli orticoltori che raccolgono broccoli, cavoli, sedano, prezzemolo, finocchi, cicorie, bietole, tutti maturati contemporaneamente per le temperature primaverili. Con la natura sconvolta – aggiunge Cantele - a preoccupare è l’improvviso abbassamento della temperatura sulle piante in fiore con effetti disastrosi sulla raccolta primaverile ed estiva dei frutti”.

“Da rivedere a fondo il meccanismo del Fondo di Solidarietà Nazionale che così com’è non risponde più alla complessità, violenza e frequenza degli eventi calamitosi “ma anche il meccanismo assicurativo deve essere rivisto – conclude il presidente Cantele – perché le polizze multirischio non coprono assolutamente le colture dagli eventi estremi che si stanno verificando a causa della tropicalizzazione del clima, oltre ad essere eccessivamente onerose. Anche i periodi in cui possono essere stipulate le polizze non sono più rispondenti alle necessità degli agricoltori, come per esempio per il comparto olivicolo le polizze possono essere sottoscritte esclusivamente da marzo a maggio”.

 

 

Altri articoli di "Cronaca"
Cronaca
16/07/2019
Ancora sangue sulle strade salentine: a perdere la vita una ...
Cronaca
16/07/2019
Il ventennale del gruppo “Kapu Vacanti” si ...
Cronaca
16/07/2019
Il collasso si è riscontrato durante la manutenzione ...
Cronaca
16/07/2019
Oggi a Bari, il tavolo congiunto Acquedotto Pugliese e ...
Con il professor Mauro Minelli, fresco di nomina di responsabile per il SUD Italia della Fondazione di Medicina ...
clicca qui