Multa da 2.500 euro a venditore abusivo. Il paese si mobilita:"Invalido con pensione di 295 euro"

domenica 14 aprile 2019

Giuseppe Monaco è stato multato dalla Guardia di Finaza perchè vendeva merce in strada. La solidarietà parte dal gruppo social "Ugento nel cuore".

Vendeva abusivamente merci per strada e la Guardia di Finanza, dopo un controllo, gli ha fatto una multa da 2.500 euro. Lui è Giuseppe Monaco, un uomo di Ugento, invalido civile che tutti in paese conoscono per la sua attività di ambulante di fortuna: Giuseppe è solito, infatti, girare per le strade del paese con un carrello carico di svariate merci che vende per racimolare pochi euro. Un' attività, come detto, abusiva, che è stata sanzionata e accompagnata dal sequestro della merce.
Ma la storia di Giuseppe non è passata inosservata e in paese è partita la mobilitazione per aiutarlo: “Giuseppe è invalido civile, percepisce una misera pensione di 295 euro al mese. È solo, vive in affitto, il comune da un sussidio una tantum e si arrangia come può – si legge in un post del gruppo social “Ugento nel cuore” che ha lanciato l'invito a mobilitarsi in suo favore - sappiamo che Giuseppe è in difetto, e faremo di tutto per regolarizzare la sua posizione di venditore ambulante: intanto, ci impegniamo a pagare - come “Ugento nel cuore” - eventuali spese legali per l'impugnazione del verbale ed un eventuale suo annullo o riduzione”. La vicenda di Giuseppe ha fatto rapidamente il giro del paese e delle bacheche social: tre avvocati si sono offerti di difenderlo gratuitamente e il gruppo “Ugento nel cuore” ha distribuito dei salvadanai in alcuni bar del paese per raccogliere fondi da destinare a Giuseppe.

Altri articoli di "Cronaca"
Cronaca
15/07/2019
Paura attorno alle 23, a Lecce, in via Brancaccio, per il crollo di mattoni e calcinacci ...
Cronaca
15/07/2019
Dopo tre turni di vantaggio, nel ballottaggio arriva la ...
Cronaca
15/07/2019
Il terribile incidente sulla statale 16, tra Polignano a ...
Cronaca
15/07/2019
Arrestato un 27enne originario del foggiano, fermato ...
Nel reparto di Chirurgia plastica (ma non solo) ogni estate è una lotta per evitare di allungare le liste ...
clicca qui