Sentenze photored, Aiga replica al sindaco Coppola: "Da lui parole inaccettabili e lesive"

giovedì 11 aprile 2019

Il presidente di Aiga Lecce, Andrea Conte, control le affermazioni del sindaco di San Cesario che ha bollato come “sciatte e fantasiose” le sentenze sul photored.

Sentenze photored, l’Aiga Lecce, attraverso la voce del presidente Andrea Conte, risponde alle dichiarazioni rilasciate dal sindaco di San Cesario, Fernando Coppola, che ha contestato l’operato dei giudici, affermando di “essere stufo di provvedimenti, infondati e ai limiti dell’assurdo”, di alcuni giudici di pace che emetterebbero “sentenze fantasiose e sciatte”.

Parole che Conte definisce “inaccettabili e gravemente lesive della dignità professionale degli avvocati e dei giudici di Pace” soprattutto “perché pronunciate da un primo cittadino – dovendosi, al contrario, ricordare che i professionisti che svolgono il ruolo di giudici di Pace sono terzi ed imparziali e svolgono la loro opera, pur tra mille difficoltà, al solo servizio dei cittadini”.

“Ancora più preoccupanti e lesive della dignità professionale – osserva - sono state le frasi espresse nei confronti degli avvocati, che secondo il sindaco Coppola ‘creano la notizia’ di una pronuncia resa in un giudizio da essi patrocinato per accaparrarsi clientela, arrivando a porre in essere vere e proprie ritorsioni mediatiche, minacciando i professionisti che commentano una sentenza pubblica di un argomento a carattere pubblicistico, di un esposto all’Ordine degli Avvocati”.

“Inaccettabili e fortemente offensive – ribadisce Conte - sono le frasi rivolte ai legali che hanno difeso le ragioni dei ricorrenti, commentando le sentenze pubbliche ed esponendo le ragioni tecniche di una vittoria giudiziaria definite come: ‘misere e vergognose strumentalizzazioni mediatiche fatte da avvocati alla ricerca di visibilità e clientela’. Gli avvocati non ‘creano notizie’ ma tutelano di diritti delle persone nel pieno rispetto della legge e delle proprie prerogative costituzionali. Nessuna strumentalizzazione può esserci da parte di un avvocato che studia una causa e pone in rilievo le ragioni tecnico-giuridiche che hanno portato all’accoglimento di una sentenza”.

Conte evidenzia come l’avvocato svolga una “funzione sociale irrinunciabile” e funga “da unità di misura del grado di civiltà e democraticità del consesso sociale, anche e soprattutto quando difende i diritti dei cittadini eventualmente lesi dall’agire della pubblica autorità, sia essa lo Stato o le sue articolazioni locali”: “Si deve ricordare – precisa il presidente Aiga di Lecce -, soprattutto a chi ricopre ruoli pubblici e di rappresentanza democratica, che i provvedimenti giudiziari si possono non condividere e quindi impugnare innanzi all’autorità giudiziaria competente, ma non è loro consentito minacciare e denigrare la dignità ed il decoro dei professionisti che svolgono con abnegazione e spirito di sacrificio il mandato difensivo loro conferito”.

Alla luce di questi fatti, Aiga Lecce esprime la sua totale solidarietà ai colleghi così volgarmente offesi e minacciati, nonché ai Giudici di Pace di Lecce, che hanno dimostrato di dover dar conto del loro operato solo e soltanto di fronte alla legge. Aiga Lecce auspica che tali episodi non vengano più a ripetersi, e si augura che chi ha sbagliato rifletta sui propri sbagli e chieda scusa. 

Altri articoli di "Società"
Società
25/08/2019
Un tifoso diversamente abile aveva lamentato la decisione ...
Società
25/08/2019
Un panzerotto fritto venduto a 5 euro all’aeroporto ...
Società
24/08/2019
Ennesimo episodio di violenza ai danni di un medico, ...
Società
24/08/2019
Prendono il via i festeggiamenti patronali a Lecce e ...
Oggi abbiamo incontrato il professor Michele Vetrugno per affrontare il tema del distacco della retina. Alcune malattie ...
clicca qui