"Devi morire": sulla pagina social di Salvemini appare un commento raccapricciante

martedì 9 aprile 2019

Preso di mira anche il candidato della Democrazia Cristiana, Francesco Grasso.

Un messaggio dal tenore raccapricciante è apparso ieri pomeriggio, sulla pagina social di Carlo Salvemini. Ieri pomeriggio un utente ha scritto “Devi morire”, a commento delle iniziative del candidato sindaco durante la campagna elettorale. Il messaggio sarà segnalato alla polizia postale e al gestore del social network.

Salvemini ha risposto con ironia all’augurio poco felice: “Qualcuno ieri commentando un mio post ha scritto: “Salvemini devi morire”. ha ragione: prima o poi - spero molto poi - toccherà anche a me, come a tutti. Andiamo avanti”.

Oggetto di contumelie anche il candidato al consiglio comunale, Francesco Grasso, reo di non sostenere più Adriana Poli Bortone e di preferirgli Erio Congedo: “Un giro nei forni”, è stato il commento più becero.

“Esprimo la mia solidarietà sia a Carlo Salvemini che a Francesco Grasso -ha stigmatizzato Gaetano Messuti per i vergognosi attacchi perpetrati a mezzo social. La politica dovrebbe essere l’arte del saper parlare e vedere che qualcuno necessita ricorrere alle minacce ed ai peggiori attacchi per affermare le proprie idee, è l’ennesimo fallimento difronte al quale ci mette la nostra società”.

"Caro Carlo -ha commentato Erio Congedo- ti esprimo tutta la mia solidarietà per questo inqualificabile episodio. La dialettica politica, anche se a volte aspra, non deve mai trascendere nella barbarie. Questo è uno di quei casi che danno ragione a Eco: “I social danno diritto di parola a legioni di imbecilli”.

Altri articoli di "Cronaca"
Cronaca
23/05/2019
In una conferenza stampa illustrate le novità del ...
Cronaca
23/05/2019
Il rogo intorno alle 2 in pieno centro abitato. Probabile ...
Cronaca
23/05/2019
Nuovo colpo di scena nell’intricata stagione della ...
Cronaca
23/05/2019
In entrabi i casi i malcapitati hanno riportato solo lievi ferite.   Due ...
Un paziente già operato, se prenota a marzo, nel pubblico deve attendere fino a luglio: eppure la risonanza ...
clicca qui