Obodo e Mesbah ci credono ancora: così il Lecce si presenta a Firenze

venerdì 13 gennaio 2012
Alla vigilia della sfida sul campo della Fiorentina, il mediano nigeriano invita la squadra alla riscossa mentre l'algerino afferma: “Salvezza difficile, ma non impossibile” 
 
Più che credere nella salvezza, in questo gennaio il Lecce deve scendere in campo con la mentalità di chi non ha più nulla da perdere e far valere le proprie motivazioni. L'ultimo posto in classifica dei giallorossi è reso ancor più negativo dalla sfilza di sconfitte e dalla mancanza di vittorie al Via del Mare. Un fattore che preoccupa più del distacco dalla zona salvezza di -9 da Bologna e Siena, -10 dal Parma, -11 da Atalanta e Chievo Verona.
Dopo il ko di misura contro la Juventus al “Via del Mare” scaturito dalle solite disattenzioni ed errori, il Lecce domenica cerca di rialzarsi nella sfida del “Franchi” contro la Fiorentina dell'ex tecnico Delio Rossi e dell'ex direttore sportivo Pantaleo Corvino. Un test davvero difficile per i giallorossi sul campo dei viola. 
“Ho già vissuto una situazione simile a Perugia e alla fine riuscimmo a centrare il traguardo della salvezza. Per questo dico che dobbiamo crederci fino in fondo - ha affermato il mediano nigeriano Christian Obodo-. Noi non dobbiamo mollare. Domenica saremo attesi dal confronto di Firenze e poi chiuderemo il girone di andata con la gara casalinga con il Chievo. È una frase fatta, ma dovremo affrontare ogni gara, a prescindere dal nome dell’avversario, come fosse una finale. La nostra attenzione dovrà essere focalizzata su una gara alla volta. Per dare una svolta al nostro campionato basterebbe una scintilla, come potrebbero essere i tre punti a Firenze. Ho visto in televisione alcune immagini della Fiorentina e devo dire che giocano veramente bene”. 
Ed il Lecce in questo mercato di gennaio si ritrova anche a registrare l'offerta del Milan per l'esterno sinistro algerino Djamel Mesbah (nella foto). Una curiosità che i campioni d'Italia abbiano piazzato il proprio mirino su un nazionale in forza ad una squadra, fanalino di coda del campionato. O forse il Lecce ha potenzialità in campo inespresse? Sull'interesse dei rossoneri, il calciatore africano ha sottolineato dal sito web del Lecce: “Indubbiamente è una cosa che fa piacere. Però, come ho sempre detto, queste sono cose di cui si occupa la società. Io in questa fase non penso al mercato, la mia attenzione è sul lavoro di ogni giorno e sulla prossima gara di domenica prossima a Firenze. Ora la nostra situazione inizia a farsi dura, visto che siamo a 9 punti di lunghezza dalla salvezza. Secondo me non ha senso parlare di singoli reparti, ma dobbiamo ragionare come squadra e cercare sempre di migliorare. Con mister Cosmi si è vista un’altra mentalità. Purtroppo, i punti non sono arrivati ed ora siamo nella situazione di non poter lasciare nulla per strada. Dovremo pensare alle prossime gare come se fossero le ultime del campionato. Certamente ottenere la salvezza è difficile, ma non impossibile”. 
E Mesbah traccia una tabella per chiudere il girone di andata contro Fiorentina e Chievo Verona: “Sarebbe importante fare almeno quattro punti, perché dobbiamo cercare di recuperare punti sulle quartultime. Non penso che le altre squadre in lotta per la salvezza ci siano superiori. A parte il Siena, quando abbiamo affrontato le altre abbiamo dimostrato di essere sullo stesso livello”. Ora servono i punti per sperare. 
 
Pasquale Marzotta
 
(fonte: Belpaese
Altri articoli di "Calcio"
Calcio
08/12/2019
Pari ed emozioni al Via del Mare: Pandev inventa un gol, ...
Calcio
08/12/2019
Il furetto di Pulsano si carica la squadra sulle spalle ...
Calcio
07/12/2019
Il tecnico giallorosso torna anche sulla sfida di Ferrara: ...
Calcio
07/12/2019
Il Racale in casa del Manduria per il big match di ...
Oggi siamo andati nel Centro Calabrese di Cavallino per incontrare la dietista Patrizia Gaballo, che lavora in ...
clicca qui