“I colori della mia anima”: a Surbo vernissage di Enrico Tommasi

giovedì 4 aprile 2019
Il 14 aprile, a Palazzo Ruggio di Surbo, la prima personale del giovane pittore salentino.

Domenica 14 aprile 2019 alle ore 19 sarà inaugurata presso Palazzo Ruggio di Surbo la mostra “I colori della mia anima” di Enrico Tommasi.
Ha inizio così un progetto finalizzato a far conoscere le opere di un giovane pittore salentino autodidatta che attraverso pennellate energiche e vibranti porta su tela il suo sentire. Un lavoro intrapreso negli ultimi dieci anni e che ha visto Tommasi confrontarsi con più stili, tecniche e materiali al fine di dar corpo a quella che lui chiama, più intimamente, la “materia stessa del suo sentire”.

La personale, che si svolgerà in occasione della Festa della Madonna di Loreto, vedrà la presentazione al pubblico dell’omonima e inedita opera ispirata proprio al culto lauretano, originale e metaforica trasposizione del soggetto mariano. Sarà esposta una selezione di una quindicina di opere eclettiche per stile, tecniche e tematiche espresse, tra cui Donna Mutante, Dea Musica, Tributo a Picasso, Campo di papaveri, Impressioni di novembre, Nudo di donna, Autoritratto, Girasoli, L’indigeno, Il pavone, Natura morta-Tributo a Cézanne.
Un angolo della mostra sarà dedicato, inoltre, alle esclusive creazioni ceramiche dell’artista (sculture e gioielli).

L’esposizione è visitabile tutti i giorni dal 14 al 23 aprile dalle ore 18.00 alle ore 22.00 e il 21 e il 23 aprile anche dalle ore 9.00 alle ore 13.00.

Per informazioni, 389.1780895.


 
Altri articoli di "Arte e archeologia"
Arte e archeologi..
17/09/2019
Il referente di Italia Nostra, Marcello Seclì ha ...
Arte e archeologi..
13/09/2019
A individuare il reperto, gli archeologi guidati dal professor Francesco ...
Arte e archeologi..
11/09/2019
La decisione è arrivata dalla Soprintendenza. Troppo deteriorata la struttura ...
Arte e archeologi..
11/09/2019
Dopo il ritrovamento della testa marmorea di Giulio Cesare ...
Nell’ospedale pubblico di Lecce si pratica la partoanalgesia (ne abbiamo parlato di recente), ma 35 chilometri ...
clicca qui