Chekos art per Falcone e Borsellino: murales del salentino su una scuola del milanese

lunedì 25 marzo 2019
L'artista leccese ha realizzato un murales per una scuola media di Settimo Milanese: omaggio a Falcone e Borsellino.

"A questa città vorrei dire: gli uomini passano, le idee restano. Restano le loro tensioni morali e continueranno a camminare sulle gambe di altri uomini". 

L'arte del leccese Chekos sbarca nel milanese con un'opera dedicata ai due magistrati antimafia Giovanni Falcone e Paolo Borsellino. Il suo stile inconfondibile campeggia sui muri della scuola della cittadina in provincia di Milano, monito per le nuove generazioni. In linea con il tema scelto dalla scuola media, la legalità, l'opera dello street artist leccese celebra così la memoria dei due giudici, che hanno pagato con la vita il loro impegno per liberare l'Italia dalla mafia.
Il grande murales, realizzato con uno stencil di 50 metri quadrati, sarà inaugurato il prossimo 12 aprile alla presenza del fratello del giudice Borsellino, Salvatore, che continua nel solco del fratello a portare avanti la battaglia antimafia con l' associazione Agende Rosse. 

L'artista, conosciuto ormai a livello internazionale, è autore di una serie di opere anche a Lecce: suoi i murales dedicati a Carmelo Bene, a Vittorio Bodini, "Clandestino", realizzato all'interno del mattatoio occupato, ed altre opere  - sempre a sfondo sociale - realizzate in alcuni luoghi di produzione culturale, come Lecce Bene Comune e il centro Multiculturale Crocevia. 

In gallery altre foto dell'opera, dalla pagina Facebook di 
CHEKOS ART
Altri articoli di "Arte e archeologia"
Arte e archeologi..
19/04/2019
Fino al 28 aprile  al Risorgimento Resort ...
Arte e archeologi..
17/04/2019
Fino al 5 maggio al Castello Aragonese Otranto. E' ...
Arte e archeologi..
15/04/2019
Riconoscimento prestigioso per l’artista salentino, ...
Arte e archeologi..
04/04/2019
Il 14 aprile, a Palazzo Ruggio di Surbo, la prima personale del giovane pittore ...
Mangiare abbondantemente è tipico di questi periodi di festa, ma, se la Pasqua ci ha già messi KO, ...
clicca qui