Caso microspie a Palazzo Melorio: convocato un nuovo consiglio comunale

domenica 24 marzo 2019

Nuova convocazione del consiglio comunale ad Otranto su richiesta dell’opposizione.

Caso microspie a Palazzo Melorio: martedì 26 marzo, su richiesta dell’opposizione, si torna a parlare della vicenda in consiglio comunale di Otranto. Ad annunciarlo è il capogruppo di minoranza, Luca Bruni, che spiega di aver chiesto la riconvocazione dell’assemblea avvalendoci di quanto previsto nel regolamento comunale.

“Il nostro gruppo – scrive - avrà pertanto la possibilità di replicare a tutte le accuse mosse dal sindaco prima che quest’ultimo - con i consiglieri di maggioranza - abbandonasse l’aula decretando la fine della seduta. E ci sarà anche una votazione sulla mozione che era stata presentata al termine del nostro intervento”.

“Intendevamo – prosegue - dare infatti il segnale, senza distinzioni di appartenenza politica, che Otranto non ha nulla da nascondere indicando una serie di buone pratiche per rendere sempre più trasparenti le procedure amministrative. Insomma, quello che era stato immaginato come un comizio accusatorio senza replica, avrà la sua doverosa appendice. E ogni falsa ricostruzione dei fatti, così come il tentativo di spostare altrove l’attenzione, saranno rispediti al mittente”.

“La maggioranza – insiste Bruni - pensava di farci un dispetto irritata da argomenti che la mettono in imbarazzo. Ma noi ai dispetti rispondiamo col regolamento: si ritorna in aula! Ritorna quindi la dialettica politica, come si conviene ad ogni istituzione democratica. Con buona pace di chi pensava di fare un monologo”.

Altri articoli di "Politica"
Politica
25/04/2019
Il dirigente nazionale di Gioventù Nazionale e ora ...
Politica
24/04/2019
Il candidato del M5S interviene su presunte ...
Politica
24/04/2019
Al lavoro i tecnici della Trivelsonda s.r.l.. Ora progetto ...
Politica
23/04/2019
Per il candidato sindaco del M5S è necessario ...
Le linee guida dell’Organizzazione Mondiale della Sanità confermano quello che già sapevamo, ma ...
clicca qui