La Deghi Lecce sul tetto di Puglia: vinta la Coppa Italia Promozione

domenica 24 marzo 2019

La Deghi sul tetto di Puglia. La società leccese batte nella doppia gara di finale lo Sporting Donia e conquista la Coppa Italia Promozione 2018 – 2019.

Un successo straordinario per la squadra del presidente Alberto Paglialunga, attiva dal 2016 e protagonista del girone B del secondo torneo calcistico regionale che la vede sulla piazza d’onore alle spalle della capolista Ugento.

Disputata sull’erba del campo «Deghi» di San Pietro in Lama dinanzi a oltre 500 persone, si è conclusa 1-1 la sfida di ritorno tra i padroni di casa e l’undici ofantino. Dopo il vantaggio della Deghi siglato da Giovanni Malagnino nel corso della prima frazione di gioco, lo Sporting Donia ha trovato il gol nei minuti di recupero. Un pari quanto mai dolce per la formazione allenata da Andrea Salvadore che ha capitalizzato al meglio la vittoria per 1-0 nella trasferta in terra foggiana. A fine gara, grandi festeggiamenti e trofeo consegnato dal vicepresidente della Figc Pugliese, Otello Sariconi, nelle mani del capitano della Deghi Lecce, Antonio Lentini.

Una favola quella della società leccese, arrivata dove nessuna altra squadra del capoluogo, oltre all’Unione Sportiva Lecce, era mai arrivata.

Organizzazione, competenza, programmazione: questi i segreti della Deghi, entrata nel mondo calcistico pugliese dopo avere acquisito il titolo sportivo del Carmiano. La vittoria nel torneo di Prima categoria nel 2017, la permanenza al termine del primo campionato di Promozione e la vittoria della Coppa Italia nel corso di una stagione sinora straordinaria. La Deghi Lecce è l’ultima di un terzetto che sinora è stato capace di conquistare l’ambito trofeo, composto da Casarano e Pro Italia Galatina, società storiche del panorama sportivo pugliese. Senza dimenticare che, avere vinto il trofeo che ha visto ai nastri di partenza le 32 formazioni pugliesi di Promozione, potrebbe aprire alla Deghi Lecce le porte dell’Eccellenza.

Deus ex machina del «miracolo» Deghi Lecce, il giovane imprenditore leccese Alberto Paglialunga, creatore dell’omonimo marchio aziendale. «Un’emozione straordinaria quella vissuta in occasione della finale di ritorno di Coppa Italia – sottolinea il presidente – arrivata al termine di un percorso lungo e pieno di insidie. La vittoria della Coppa Italia di categoria è la dimostrazione che la programmazione di una società sana, all’interno della quale ognuno ha un ruolo definito, è alla base di ogni risultato. Un successo importante che ripaga di tutti gli sforzi fatti sinora, iniziati nel 2016 quando faticavamo ad avere anche solo un campo sul quale allenarci e giocare. Un punto di arrivo ma anche di partenza, dal quale iniziare per programmare un futuro che porti in alto i colori della Deghi».

Una stagione tanto ricca di successi quanto lunga quella della Deghi Lecce edizione 2018/ 2019 iniziata nello scorso maggio con uno stage che ha visto 230 ragazzi impegnati a guadagnarsi il tesseramento in casa Deghi. Un lavoro di scouting portato avanti dal mister Andrea Salvadore e dal suo staff. «La società ci mette nelle condizioni di fare il massimo – sottolinea l’allenatore – organizzando tutto in maniera ineccepibile. La Deghi è il luogo ideale dove fare calcio. Siamo felici di avere centrato un traguardo così prestigioso, il nostro nome rimarrà per sempre legato a quello della società, ma non vogliamo fermarci qui. L’obiettivo è quello di blindare il secondo posto e partecipare – conclude Salvadore – da protagonisti ai play off».

Fonte: Area comunicazione. 

Altri articoli di "Calcio"
Calcio
22/04/2019
I gol di La Mantia e Falco e soprattutto le super parate di ...
Calcio
22/04/2019
Una partita storica per tutti i tifosi giallorossi - leccesi e romanisti - quella che il ...
Calcio
21/04/2019
Il tecnico giallorosso chiede concentrazione alla squadra: ...
Calcio
21/04/2019
Il tecnico Fabio Liverani ha convocato 22 giocatori per la gara Perugia - Lecce, 34^ ...
Mangiare abbondantemente è tipico di questi periodi di festa, ma, se la Pasqua ci ha già messi KO, ...
clicca qui