Guida in stato di ebbrezza o sotto effetto di droga, controlli e denunce nel magliese

mercoledì 20 marzo 2019

Controlli sul territorio di competenza per i carabinieri della Compagnai di Maglie che hanno denunciato diversi soggetti a vario titolo.

A Otranto, un 23enne del posto, è stato sorpreso alla guida di un’auto sottoposta a sequestro amministrativo; a Martano, un 46enne perché trovato in possesso di armi comuni da sparo, regolarmente denunciate, in luogo diverso da quello denunciato e in cui custoditi; a Minervino di Lecce, un 43enne del posto è stato sorpreso alla guida di un’auto senza patente perché ritirata; a Scorrano, un 21enne del posto è stato denunciato perché in possesso di un coltello a serramanico con lama di 8 cm.

Per guida in stato di ebbrezza alcolica con contestuale ritiro della patente sono stati denunciati un 42enne di San Cassiano, trovato con tasso pari a 2.84 g/l (autovettura non sottoposta a sequestro amministrativo poiché di proprietà di terza persona), e un 50enne di Lecce, rimasto coinvolto in un sinistro stradale e trovato con un tasso pari a 1.77 g/l (autovettura non sottoposta a sequestro amministrativo poiché di proprietà di terza persona).

Per rifiuto di sottoporsi ad accertamenti per verificare l’assunzione di stupefacenti è stato denunciato un 24enne di Cursi trovato alla guida in evidente stato di alterazione psicofisca, che rifiutava i controlli.

Per guida sotto l’influenza di sostanze stupefacenti, sono state denunciate 7 persone, mentre altre 7 sono state segnalate per uso non terapeutico. Sono stati rinvenuti 2,85 grammi di marijuana, 8,5 di hashish e 2 spinelli, tutto sottoposto a sequestro.

 

Altri articoli di "Cronaca"
Cronaca
25/04/2019
Simone Paiano, 25 anni, ha confessato l'omicidio: ...
Cronaca
25/04/2019
È morto nel cuore della notte in ospedale, Mattia ...
Cronaca
25/04/2019
 Famiglie e autorità presenti questa mattina a ...
Cronaca
24/04/2019
Nei guai un 46enne di Taurisano, finito in manette.  ...
Le linee guida dell’Organizzazione Mondiale della Sanità confermano quello che già sapevamo, ma ...
clicca qui