Xylella, il ministro Lezzi convoca riunione di sindaci e agricoltori. Piconese: "Si sveglia ora"

mercoledì 20 marzo 2019
L'incontro si terrà a Lecce lunedì prossimo ma la sede non è stata ancora decisa. 

La ministra per il Sud Barbara Lezzi convoca una riunione ad horas di tutti i sindaci salentini e olivicoltori per discutere dell'emergenza Xylella. L'incontro si terrà a Lecce il prossimo 25 marzo ma non è stata ancora decisa la sede che - si legge nella lettera inviata oggi ai primi cittadini ma ma anche al prefetto, ai presidenti di Ismea, Crea e alle associazioni di categoria Agrinsieme e Coldiretti, sarà comunicata nelle prossime ore.

“Barbara Lezzi si sveglia solo ora” scrive il coordinatre di Mdp-Leu, Art.1 e sindaco di Uggiano La Chiesa Salvatore Piconese - in queste settimane è stata completamente assente sia nelle mobilitazioni degli olivicoltori sia nelle assemblee ufficiali con gli amministratori locali, con il presidente della Provincia di Lecce Minerva, con il presidente della Regione Puglia Emiliano.

Talmente preoccupata per le sue assenze che frettolosamente ha convocato una riunione senza stabilire la sede dei lavori.
Attendiamo, prima o poi troverà una stanza, un luogo o un ufficio per questa riunione.
Ci piacerebbe sapere dov'era quando Centinaio firmava il Decreto, oppure dov'era quando Conte stanziava per l'alluvione in Veneto 1 miliardo di Euro (senza dubbio legittimo) e nel frattempo abbandonava il Salento al suo triste destino.
Se non trova una sede per la riunione, metto a disposizione l'Aula consigliare 'Sandro Pertini' di Uggiano la Chiesa per l'incontro”.

Altri articoli di "Economia e lavoro"
Economia e lavoro
19/04/2019
Settimana di protesta: oggi il presidio dei lavoratori nel ...
Economia e lavoro
18/04/2019
Il candidato sindaco di Sinistra Comune ha presenziato al ...
Economia e lavoro
18/04/2019
Il Governo taglierà 300 milioni in tutta Italia ...
Economia e lavoro
18/04/2019
Appello affinché non si lavori nei giorni festivi: ...
Mangiare abbondantemente è tipico di questi periodi di festa, ma, se la Pasqua ci ha già messi KO, ...
clicca qui